laRegione
21.01.22 - 14:54
Aggiornamento: 01.02.22 - 17:41

Abbattuto un lupo in Surselva: ‘Era un pericolo per l’uomo’

La misura estrema è stata adottata dall’Ufficio caccia e pesca grigionese a seguito di ripetuti incontri ravvicinati tra l’esemplare e gli abitanti

abbattuto-un-lupo-in-surselva-era-un-pericolo-per-l-uomo

Un lupo è stato abbattuto dai guardacaccia grigionesi nella regione di Disentis, nella Surselva superiore, durante la notte tra il 19 e il 20 gennaio. L’Ufficio caccia e pesca ha ritenuto che l’esemplare rappresentasse un pericolo per l’uomo. “Nelle scorse settimane si sono verificati ripetutamente incontri preoccupanti tra un lupo solitario e delle persone – si legge nella nota diffusa dal Cantone –. Tali incontri devono essere qualificati come un comportamento problematico da parte di un lupo con un pericolo potenziale per l’essere umano. La scorsa domenica mattina, ad esempio, intorno alle ore 6.15 si è verificato un incontro in occasione del quale il lupo ha seguito inosservato una persona e infine per diverso tempo è rimasto a due metri da questa persona prima di dirigersi verso il paese”. L’Ufficio caccia e pesca spiega che si è rivelata vana la strategia di distogliere dalla zona il predatore con l’utilizzo di proiettili di gomma, così come non è andato a buon fine il tentativo di dotare l’animale di un trasmettitore di telemetria. Di fronte a una situazione giudicata problematica, si è quindi optato per l’abbattimento, secondo la prassi della clausola generale di polizia. Una misura estrema che viene applicata in assenza di una base legale quando il pericolo per la vita e la proprietà è ritenuto molto elevato. “In linea di principio, i lupi che crescono e vivono allo stato brado non sono pericolosi e di solito evitano il contatto con l’essere umano. La situazione – aggiunge l’Ufficio caccia e pesca – diventa pericolosa quando i lupi si abituano alla presenza dell’uomo o addirittura associano la sua presenza al cibo”. Nelle scorse settimane pure in alta Valle di Blenio – regione confinante con la Surselva – è stato segnalato un incontro ravvicinato tra lupi e residenti a Olivone e la presenza di esemplari nei pressi dell’abitato a Campo Blenio. L’Ufficio caccia e pesca ticinese monitora la situazione e ha intensificato i controlli. Nei giorni scorsi la Società agricola Bleniese ha scritto al Consiglio di Stato: gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per capire la strategia del Cantone se questi incontri si faranno sempre più frequenti.

Leggi anche:

Tre lupi adulti si aggirano a Olivone

Campo Blenio: ‘Gli ululati e poi l’avvistamento di due lupi’

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
1 ora
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
4 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
4 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
4 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
5 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
5 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
5 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
9 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
10 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
© Regiopress, All rights reserved