laRegione
14.12.21 - 12:00
Aggiornamento: 18:41

Lupi a Olivone, il Wwf auspica rispetto: ‘Comportamento normale’

Pur comprendendo l’apprensione dei residenti, per l’organizzazione l’avvistamento di 3 esemplari nei pressi dell’abitato non è una situazione insolita

lupi-a-olivone-il-wwf-auspica-rispetto-comportamento-normale
archivio Ti-Press

“L’avvistamento di lupi nei fondovalle e nei pressi degli abitati, soprattutto in inverno, è un comportamento conosciuto e del tutto normale per la specie. Con l’arrivo della neve, i cervi si spostano a quote più basse e i lupi semplicemente seguono le loro prede”. Pur comprendendo l’apprensione che sta suscitando tra la popolazione la presenza di tre lupi che da alcuni giorni si aggirano a Olivone, tramite un comunicato il Wwf Svizzera italiana auspica “rispetto verso questa specie, soprattutto – come in questo caso – quando si comporta da lupo e non genera danni ai capi di allevamento o pericoli per l’uomo”.

L’ultimo avvistamento, ricordiamo, risale alla scorsa domenica quando alcuni abitanti hanno osservato i tre esemplari per alcuni minuti al limitare del bosco. A loro volta i predatori hanno osservato le persone senza scappare e senza mostrare il tipico atteggiamento di diffidenza. L’Ufficio cantonale caccia e pesca sta monitorando la situazione con attenzione, in particolare per capire se gli esemplari siano o meno intimoriti dall’uomo.

‘Gli abitanti ne trarranno benefici’

Nel comunicato diramato oggi il Wwf afferma che “i lupi – nella stragrande maggioranza dei casi – non rappresentano un pericolo per l’uomo e anche nel caso specifico non sembrerebbero mostrare comportamenti aggressivi. Questi lupi stanno semplicemente comportandosi da lupi, predando i cervi e operando un’importante selezione. Proprio nel periodo invernale, a causa della scarsità di cibo, la presenza eccessiva di cervi causa importanti danni al bosco, anche quelli con funzione di protezione degli abitati e delle infrastrutture. I lupi pertanto contribuiscono a riequilibrare il rapporto tra ungulati e bosco a tutto vantaggio della salute di quest’ultimo”. Il Wwf aggiunge che “nel medio-lungo periodo gli abitanti della Valle di Blenio ne trarranno importanti benefici: gli abitati saranno più sicuri in caso di eventi meteo estremi, così come diminuiranno i costi per riparare i danni alle infrastrutture e di gestione dei boschi danneggiati”.

Come riferito alla ‘Regione’ dal capoufficio Caccia e pesca Tiziano Putelli, negli ultimi giorni è stato intensificato il monitoraggio. La situazione, spiegava ieri Putelli, non richiede ancora un intervento vero e proprio, «però non va neanche presa sotto gamba». Il guardacaccia di zona ha nel frattempo posizionato delle nuove fototrappole. Sono state inoltre programmate delle ronde serali e notturne al fine di capire se si tratti di lupi solitari o di un branco, e quanti esemplari siano esattamente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
15 min
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
15 min
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti e ambientali
Locarnese
34 min
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
5 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
6 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
6 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
7 ore
I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni
Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
Luganese
8 ore
Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori
Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico
Ticino
8 ore
‘Ok al libero esercizio, ma solo in vista dell’esame federale’
È il controprogetto del governo a due iniziative per il riconoscimento di naturopati, terapisti complementari e arteterapeuti con certificato settoriale
Bellinzonese
12 ore
Bellinzona-Locarno, dacci il nostro cantiere quotidiano
La cantonale di sponda destra è diventata negli ultimi due anni una via crucis. La mappa dei lavori che terminano, che tornano e che sono previsti
© Regiopress, All rights reserved