laRegione
tre-lupi-adulti-si-aggirano-a-olivone
Foto di archivio
13.12.21 - 12:38
Aggiornamento: 18:21

Tre lupi adulti si aggirano a Olivone

Preoccupazione in paese per degli esemplari avvistati più volte anche nei pressi di abitazioni, ieri l’ultimo episodio

Sta destando preoccupazione tra gli abitanti dell’alta Valle di Blenio l’avvistamento di tre lupi che da alcuni giorni si aggirano a Olivone. Inquietudine soprattutto per il fatto che gli animali sono stati avvistati anche nei pressi di alcune abitazioni e di un parco giochi. L’ultimo avvistamento risale a ieri, domenica, ma il guardacaccia di zona sta monitorando la situazione già da alcuni giorni. Un esemplare è stato fotografato e sono pure state individuate delle orme. Sorprendente il fatto che lo scorso weekend nel tardo pomeriggio alcuni abitanti abbiano osservato i tre esemplari per alcuni minuti al limitare del bosco. A loro volta i tre predatori hanno osservato le persone senza scappare e senza mostrare il tipico atteggiamento di diffidenza. Un esemplare è più grosso degli altri due e i tre sembrerebbero avere età diverse. Potrebbero essere quindi di tre cucciolate differenti ma non è dato sapere se siano maschi o femmine. Né si conosce al momento la provenienza.

La sindaca: ‘Ne discuteremo stasera in Municipio’

In paese ovviamente la notizia è sulla bocca di tutti e gli abitanti sono chiaramente preoccupati. Tanto che alcuni allevatori della zona hanno deciso di tenere in stalla le proprie pecore e capre. Da noi interpellata, la sindaca di Blenio Claudia Boschetti-Straub non ha nascosto una certa apprensione. «So di alcuni avvistamenti negli scorsi giorni», conferma. «La questione ci preoccupa molto. C’è panico e ne discuteremo già questa sera in Municipio», aggiunge. Poiché in questo periodo la selvaggina si spinge più a valle, il lupo ne è attirato. Tuttavia in passato nella zona non sono mai stati registrati avvistamenti di questo tipo.

Intensificato il monitoraggio

Il Dipartimento del territorio ha avviato i consueti approfondimenti, come si è sempre fatto negli anni in presenza di predazioni e come si è fatto per le cucciolate della Val Morobbia e per quella segnalata a inizio mese nella zona fra l’alta Valle Onsernone e la Valle di Vergeletto dove si è accertata la presenza di una coppia di adulti con tre cuccioli. Raggiunto dalla ‘Regione’ Tiziano Putelli, capoufficio Caccia e pesca del Cantone, conferma che effettivamente è stato intensificato il monitoraggio. «La situazione non richiede ancora un intervento vero e proprio, però non va neanche presa sotto gamba», rileva. Il guardacaccia di zona oggi ha posizionato delle nuove fototrappole e domani ne posizionerà delle altre. «Inoltre sono state programmate delle ronde serali e notturne. Il monitoraggio ci permetterà di capire se sono lupi singoli o se si tratta di un branco e quanti esemplari sono esattamente».

Il comportamento dell’animale richiede attenzione

Al momento, spiega Putelli, il suo Ufficio non è a conoscenza di un branco noto in quella zona. «Si potrebbe trattare anche di tre lupi singoli che si sono riuniti per un momento». Sarà importante capire che tipo di comportamento hanno questi animali: «Al giorno d’oggi non sappiamo se questi lupi siano intimoriti dall’uomo o meno. Comunque finora non abbiamo nessuna segnalazione di atteggiamenti aggressivi verso l’uomo», spiega il capoufficio. «Se così fosse il comportamento sarebbe problematico», afferma riconoscendo che un problema c’è: il lupo è stato visto in prossimità dell’abitato. Presenze registrate comunque al calare del buio, se fosse stato avvistato in pieno giorno sarebbe stato più grave. «Ora attendiamo l’esito del monitoraggio per saperne di più».

Il fatto che vedendo delle persone il lupo non si sia dato alla fuga non rappresenta un problema? La Strategia lupo svizzera ha quattro gradi di valutazione: il comportamento normale, quello che richiede attenzione, quello critico e quello problematico (quello in cui si entra in discussione per l’abbattimento). Nel comportamento normale, quando un lupo viene avvistato da una persona all’interno di un veicolo, l’animale osserva a sua volta e si allontana lentamente dopo alcuni secondi. «A Olivone ci troviamo tra un comportamento che richiede attenzione – ed è per questo che abbiamo intensificato il monitoraggio – e nella prima fase di un comportamento critico che prevede che i guardacaccia possano mettere in atto delle azioni di disturbo per spaventare il predatore, come dei tiri di dissuasione di lato, a salve o con dei proiettili di gomma», spiega Putelli. Questo è previsto dal momento in cui il lupo viene visto almeno tre volte vicino all’abitato e la sua presenza diventa sempre più prolungata. Sia il monitoraggio che i tiri di dissuasione permetteranno di capire il comportamento dell’animale.

Il lupo segue la selvaggina che si spinge a valle

Quanto alla presenza del lupo a valle, Putelli fa presente che il lupo fa semplicemente il lupo: segue la selvaggina che scende di quota a causa della neve e viene attirata dal sale usato sulle strade per evitare il ghiaccio. «Nei prossimi giorni soleggiati la selvaggina dovrebbe tornare in quota e di conseguenza anche il lupo», rileva.

Come comportarsi in caso di avvistamento

Ma cosa fare in caso di avvistamento ravvicinato? Il capoufficio invita a tenere presente il fatto che si ha a che fare con un grande predatore e quindi un atteggiamento prudente è d’obbligo. «Se ci si sente minacciati è meglio allontanarsi e parlare ad alta voce, questo dovrebbe essere un sistema dissuasivo in grado di allontanare l’animale». Non bisogna assolutamente andare incontro al lupo per cercare di scattare foto o altro, né essere minacciosi. «Bisogna considerare che sono animali selvatici nel periodo invernale, che per loro è tutt’altro che facile. È molto più facile che sia la persona a disturbare il lupo che viceversa», conclude Putelli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lupo olivone
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
8 ore
Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione
Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
8 ore
Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’
A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Mendrisiotto
9 ore
Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri
In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Ticino
9 ore
Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga
Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Locarnese
11 ore
83enne scomparso nel Verbano, le ricerche riprendono mercoledì
La navigazione, gli sport acquatici e la pesca saranno vietate dalle 7.30 alle 20 per un chilometro quadrato di fronte alla zona Vignascia nel Gambarogno
Bellinzonese
13 ore
Sbanda con l’auto, che si rovescia: una donna rischia la vita
L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
13 ore
Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe
L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
Luganese
14 ore
A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente
Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento
Luganese
14 ore
Depuratore di Bioggio, si potenziano gli impianti
Si parte con la progettazione esecutiva delle opere che prevedono di inserire anche la fase sui microinquinanti
Luganese
15 ore
‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio
Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
© Regiopress, All rights reserved