laRegione
28.10.21 - 12:50
Aggiornamento: 16:27

Processo bis per l’artefice dei botti di Bellinzona

Condannato in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, il 22enne ha impugnato la sentenza e tornerà in aula il 18 novembre davanti alla Corte di appello

processo-bis-per-l-artefice-dei-botti-di-bellinzona
 L’evento principale è stato la deflagrazione sul piazzale delle Scuole comunali sud di Bellinzona
+1

Lo scorso 25 febbraio è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere. La Corte delle Assise criminali presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti lo ha ritenuto colpevole, singolarmente e nel caso di quella più potente delle Scuole elementari Sud di Bellinzona in correità con altri due giovani, delle diverse esplosioni avvenute nella regione tra il 2019 e il marzo 2020. Ma il 22enne non ci sta: patrocinato dall’avvocato Niccolò Giovanettina, ha impugnato la sentenza pronunciata in primo grado e tornerà dunque in aula il prossimo 18 novembre per un processo bis di fronte alla Corte di appello e di revisione penale presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will.

In primo grado il 22enne è stato giudicato autore colpevole dei reati di uso delittuoso e colposo di materie esplosive (per aver messo in pericolo la vita di altri giovani che di volta in volta hanno assistito agli eventi), fabbricazione e occultamento di materie esplosive, danneggiamento ripetuto, delitto contro la Legge federale sugli esplosivi (i petardi sono stati ordinati illegalmente da un sito online estero), discriminazione e l’incitamento all’odio (per aver indossato un cappotto dell’esercito militare tedesco con svastica al Carnevale Rabadan) e infrazione alla Legge federale sulle armi e sulle munizioni.

Alle Criminali la giudice Francesca Verda Chiocchetti aveva ordinato la sospensione della pena detentiva in favore di un trattamento psicoterapeutico stazionario per far fronte a quello che è stato definito un disturbo della personalità di tipo narcisistico dell’imputato. La Corte aveva ridotto di un anno la richiesta di pena formulata dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis. La difesa si era invece battuta per una pena sospesa di al massimo 24 mesi.

L’agire del giovane aveva attirato l’attenzione della popolazione per svariati mesi, petardo dopo petardo, generando una curiosità generale sull’origine di esplosioni che venivano udite in un raggio di diversi chilometri. Era stato arrestato il 13 marzo 2020 a seguito dell’ultimo ordigno fatto saltare in golena a Giubiasco. L’evento principale era però stato la deflagrazione avvenuta nella notte del 26 febbraio 2020 sul piazzale delle Scuole comunali Sud cittadine, scoppio che ha causato un piccolo cratere nell’area di gioco e danni per 18mila franchi alle finestre (circa 20 erano andate in frantumi) e alle aule. Durante il processo dello scorso febbraio, quell’ordigno da lui assemblato è stato definito dall’imputato la ‘bomba delle bombe’ (composta da un tubo d’acciaio, rinforzato con del nastro adesivo e una cintura di sicurezza per automobili, nel quale erano stati infilati 600 grammi di polvere pirica prelevata da altri petardi). Dopo l’arresto l’imputato ha dapprima trascorso 84 giorni in detenzione preventiva, per poi passare nel giugno scorso in esecuzione anticipata della pena al penitenziario cantonale della Stampa.

Leggi anche:

Tre anni e mezzo per l'artefice dei botti di Bellinzona

Esplosione nella notte alle Scuole Sud di Bellinzona

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
1 ora
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
4 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
4 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
4 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
5 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
5 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
5 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
9 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
10 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
© Regiopress, All rights reserved