laRegione
violenza-carnale-prosciolto-in-appello
Ti-Press
laR
 
21.04.21 - 05:15
Aggiornamento: 13:17

Violenza carnale, prosciolto in Appello

Cambio di rotta totale rispetto alla sentenza di primo grado che aveva condannato un 39enne a tre anni parzialmente sospesi

Da una condanna di tre anni al proscioglimento. In primo grado, il 18 giugno 2019 la Corte delle Assise criminali, presieduta da Mauro Ermani, aveva condannato a una pena di tre anni, di cui 10 mesi da espiare e 26 sospesi condizionalmente per due anni, un 39enne sudamericano residente nel Bellinzonese poiché ritenuto colpevole di coazione sessuale e violenza carnale per aver costretto la sua ex compagna, nell’agosto 2015, a subire atti sessuali contro la sua volontà usando violenza e minaccia. La Corte di Appello e di revisione penale (Carp), presieduta da Giovanna Roggero-Will, giudici a latere Rosa Item e Andrea Ermotti, ha invece deciso di assolverlo. Un cambio di rotta totale dunque rispetto alla sentenza di primo grado. In aula, lo scorso 25 febbraio dinanzi alla Carp, la donna ha dichiarato di non essere più sicura che al momento dei fatti l’ex compagno avesse percepito in maniera chiara il suo rifiuto. Dubbi che la donna aveva peraltro anche espresso in una lettera recapitata lo scorso 5 febbraio alla Corte di appello. Nella missiva la donna dichiarava che i suoi ‘non voglio’ e ‘ho paura’ potevano essere stati fraintesi dall’imputato e non percepiti come un rifiuto al rapporto, ma come un non voler praticare quanto da lui richiesto. La donna, oggi in buoni rapporti con l’imputato, soprattutto per il bene del figlio che hanno avuto insieme, aveva anche spiegato che quando si era recata in polizia a deporre non aveva immaginato le effettive conseguenze; il suo obiettivo era soltanto dare un segnale all’ex compagno e fargli capire di non recarsi più a casa sua. 

Reati perseguiti d’ufficio

Quanto affermato dalla donna è stato ritenuto attendibile e credibile dalla Corte e in linea con quanto emerso nel corso dell’inchiesta. Ciò non significa – tiene a sottolineare la Carp –  che se una vittima ritratta la propria versione o solleva alcuni dubbi, come in questo caso, il Tribunale debba abbandonare il procedimento penale. In questi casi, piuttosto delicati, le vittime potrebbero infatti cambiare idea per vari motivi, anche per senso di colpa. Questi reati vengono però perseguiti d’ufficio. In questo caso la Corte ha creduto completamente alla donna, ciò che normalmente porta alla condanna dell’imputato, ma in questa vicenda ha portato al suo proscioglimento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
condanna sentenza violenza
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
4 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
7 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
16 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
17 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
18 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
18 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
19 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
20 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
22 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
© Regiopress, All rights reserved