laRegione
12.01.21 - 08:33
Aggiornamento: 16:20

Futuro della Scuola media di Castione, domande al governo

Dopo le interpellanze del Ppd ai Municipi di Arbedo-Castione e Lumino, l'Mps sollecita ora il Consiglio di Stato

futuro-della-scuola-media-di-castione-domande-al-governo
'Se ci fosse la luna si potrebbe cantare', ossia il progetto la cui variante di Pr da due anni è bloccata da tre ricorsi

I possibili scenari sul futuro della Scuola media di Castione, già oggetto recentemente di interpellanze del Ppd di Arbedo Castione e Lumino ai rispettivi Municipi, arrivano anche sui banchi del Consiglio di Stato. A chiedere lumi su “una scuola ora sottodimensionata in un comprensorio in piena espansione” sono i granconsiglieri dell'Mps Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori. “Il Decs – ricordano i deputati riprendendo quanto pubblicato dalla 'Regione' lo scorso 19 dicembre – starebbe valutando se demolire l'attuale sede (sostituendola con una nuova struttura tra Bellinzona e il quartiere di Claro) o risanare le strutture già presenti, con però una riduzione della capacità di accoglienza a soli 350 allievi” anziché 500. Al governo viene chiesto di confermare se l'autorità cantonale sta studiando degli scenari per gli studenti dei Comuni che oggi fanno capo alla Scuola media di Castione; di illustrare quali sono questi scenari e le conseguenze che potrebbero comportare per gli studenti dei vari Comuni e se le autorità comunali interessate sono state coinvolte (o lo saranno) nell’elaborazione di questi possibili scenari.

I 200 metri della discordia

Altre ipotesi sono al vaglio considerati i lunghi tempi necessari a evadere i tre ricorsi (di cui uno interposto dall'Associazione per il miglioramento ambientale di Castione e sottoscritto da 56 confinanti) che dal 2018 contestano la variante di Piano regolatore varata dal Consiglio comunale di Arbedo-Castione per poter accogliere il previsto edificio uscito dalla penna dalla comunità di lavoro ‘Edy Quaglia PeR architetti’. Scelto nel 2015 da un'apposita giuria al termine di un concorso di architettura a due fasi, il progetto da 24 milioni di franchi intitolato ‘Se ci fosse la luna si potrebbe cantare’ prevede l'ampliamento e sopraelevazione delle attuali Medie portandole a una lunghezza complessiva di 200 metri e a un'altezza di 12 e mezzo, il tutto includendo quattro sezioni di scuola dell'infanzia e una mensa. Una 'stecca' che sin dalla sua presentazione ha suscitato perplessità nel vicinato, specie fra gli abitanti situati a ridosso, nella porzione a nord sul confine con Lumino. Tuttavia – ricordiamo – sia la giuria, sia il Consiglio di Stato in risposta a una prima interrogazione parlamentare, già nel 2018 indicavano “la necessità, nell’ottica di un opportuno affinamento del progetto, di sviluppare il tema del volume unitario, che con un’articolazione più attenta dei contenuti potrebbe garantire una proposta volumetrica e urbanistica più equilibrata rispetto al contesto circostante”. Va anche ricordato, tuttavia, che per una lunghezza di 85 metri, sui 172 complessivi previsti, escludendo dunque il tratto rappresentato dalle attuali Scuole medie che verranno inglobate nel nuovo edificio, questo vedrà l’intero pianterreno sgombro per un’altezza di 3 metri e 80.

Leggi anche:

Il Ppd di Lumino chiede chiarezza sulle scuole di Castione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
6 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
7 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
8 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
10 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
10 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
10 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
10 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
12 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
14 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved