laRegione
Svizzera/Sahara occidentale
07.10.22 - 16:40
Aggiornamento: 20:59

La Svizzera nega il visto ai rappresentanti saharawi

I cinque componenti della società civile saharawi avrebbero dovuto testimoniare durante il 51° Consiglio dei diritti umani a Ginevra

la-svizzera-nega-il-visto-ai-rappresentanti-saharawi
Keystone

Si sta concludendo il 51° Consiglio dei diritti umani a Ginevra e cinque rappresentanti della società civile saharawi dei Territori del Sahara occidentale occupati dal Regno del Marocco non hanno potuto testimoniare, davanti al Consiglio, delle gravi violazioni dei diritti umani che subiscono quotidianamente sotto il regime marocchino.

A denunciarlo il Comitato di sostegno alla popolazione saharawi tramite un comunicato stampa. Un popolo che, come scrive il Comitato, vive una "situazione di confinamento territoriale, di repressione, maltrattamenti, sorveglianza giorno e notte, mancanza di libertà di manifestare e radunarsi. Senza protezione, senza possibilità di contatto con gli organi e i funzionari dell’Onu, senza la possibilità d’incontrare la stampa e quindi privati della possibilità di testimoniare ciò che sta accadendo oltre il muro, costruito dalla potenza occupante tra il territorio occupato e il territorio liberato dal Fronte Polisario durante la guerra in anni, un muro che li separa dai loro fratelli e sorelle nei territori liberati e nei campi profughi in Algeria, i Saharawi che vivono sotto l’occupazione illegale e militare marocchina sono lasciati alla mercé di del potere arbitrario del Regno del Marocco".

In questo contesto, la Svizzera non avrebbe rilasciato a cinque persone – tre donne e due uomini, familiari di prigionieri politici sahrawi detenuti in Marocco – il visto dall’ambasciata svizzera a Rabat, per la durata della sessione delle Nazioni Unite sui diritti umani.

La ragione di tale scelta? "La paura che queste persone scelgano di non ripartire", scrive il Comitato, che continua: "Ammesso che questo possa essere un criterio per il rilascio del visto, un minimo di rigore giuridico richiederebbe, tuttavia, la presenza di elementi, perlomeno oggettivamente verosimili, che avvalorerebbero tale criterio. In realtà, da più di 20 anni, non c’è un solo saharawi che sia rimasto in Svizzera dopo aver partecipato al Consiglio di Ginevra".

Il nostro Comitato afferma poi di essere intervenuto a Berna, ma senza aver ottenuto risultati. "La Svizzera è stata appena eletta al Consiglio di Sicurezza dell’Onu e sederà a New York a partire dal mese di gennaio dell’anno prossimo. In questa occasione, il governo svizzero ha assicurato, in particolare, il suo impegno a favore dei diritti umani, a favore della prevenzione e della costruzione della pace, della protezione della popolazione civile nei conflitti armati. Ma ecco che, non ancora in funzione e già la Svizzera vieta il suo territorio ai rappresentanti della società civile saharwi, la cui missione è recarsi in Svizzera per testimoniare le violazioni perpetrate dal Regno del Marocco sul loro territorio occupato militarmente e illegalmente da quasi 50 anni. Questi difensori hanno un dovere da svolgere nell’ambito della Comunità delle Nazioni Unite, un dovere che è stato loro negato dalla Svizzera".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
consiglio degli stati
15 min
Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’
‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
3 ore
Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo
Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
6 ore
Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona
La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
6 ore
Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni
Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
13 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
21 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
22 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
22 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
1 gior
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
1 gior
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
© Regiopress, All rights reserved