laRegione
24.05.22 - 15:50

‘Anche la società civile’ alla conferenza sull’Ucraina di Lugano

La Piattaforma delle Ong svizzere per i diritti umani scrive una lettera aperta al Consiglio federale

Ats, a cura de laRegione
anche-la-societa-civile-alla-conferenza-sull-ucraina-di-lugano
Keystone
La conferenza è in programma il 4 e il 5 luglio a Lugano

Berna – La società civile dovrebbe essere maggiormente coinvolta nella Conferenza sulla riforma ucraina (URC2022), prevista il 4 e 5 luglio a Lugano. È quanto chiede in una lettera aperta inviata al Consiglio federale la Piattaforma delle ONG svizzere per i diritti umani.

Per la Piattaforma, che riunisce 90 organizzazioni per i diritti umani, la prima conferenza internazionale sull’Ucraina dall’inizio dell’aggressione russa "è un’opportunità per mettere l’accento, nella pianificazione della ricostruzione e delle riforme, sulla promozione della pace, i diritti umani e lo Stato di diritto".

Le condizioni di una ricostruzione ‘sostenibile’

Le discussioni sulla guerra e la ricostruzione in Ucraina non dovrebbero però essere condotte unicamente dai governi a porte chiuse. "Una partecipazione attiva delle organizzazioni della società civile è necessaria", afferma Matthias Hui, coordinatore della Piattaforma, citato in una nota.

"Solo ascoltando le popolazioni direttamente interessate e tenendo conto dei loro diritti umani sarà possibile sviluppare una prospettiva di ricostruzione sostenibile", sostiene Hui. I mezzi militari possono procurare a breve termine un senso di sicurezza, ma per produrre effetti duraturi una vera politica di sicurezza deve basarsi sull’applicazione sistematica e universale dei diritti umani, sulla lotta alla povertà e ai cambiamenti climatici, nonché sulla conservazione delle risorse naturali.

Diverse ONG della Piattaforma collaborano con organizzazioni partner in Ucraina, Russia e Bielorussia che forniscono aiuti in loco e si impegnano attivamente per limitare le conseguenze della guerra. Queste organizzazioni, conclude la Piattaforma delle ONG svizzere per i diritti umani, sono pronte a partecipare alla conferenza di Lugano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
9 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
11 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
12 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
13 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
13 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
14 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
15 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
16 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved