laRegione
03.08.22 - 15:00
Aggiornamento: 18:52

La Svizzera vieta le importazioni di oro dalla Russia

Il Consiglio federale si allinea così alle ultime sanzioni dell’Unione europea

Ats, a cura di Red.Web
la-svizzera-vieta-le-importazioni-di-oro-dalla-russia
archivio Depositphotos

Il Consiglio federale ha adottato oggi anche le ultime sanzioni dell’Ue nel settore dell’oro e dei prodotti in oro. I provvedimenti entrano in vigore questa sera alle ore 18.00.

In risposta al protrarsi dell’aggressione militare della Russia in Ucraina, il 21 luglio 2022 l’Ue ha adottato nuove sanzioni (pacchetto definito di mantenimento e allineamento). Con la decisione odierna del Consiglio federale, la Svizzera attua i provvedimenti del pacchetto la cui adozione è urgente in termini di tempo o dal punto di vista del diritto materiale.

Si tratta principalmente del divieto di acquistare, importare o trasportare dalla Russia oro e prodotti in oro. Da questo momento sono vietati anche i servizi connessi a tali beni, spiega una nota del governo. Finora verso la Federazione russa era vietata solo l’esportazione del metallo giallo.

Le cinque raffinerie d’oro svizzere, in Ticino e in Romandia, lavorano fino al 70% dell’oro estratto in tutto il mondo, secondo le stime, ad esempio del WWF. Sono anche tra le più grandi raffinerie del pianeta. E la Svizzera è un importante snodo nel commercio internazionale del metallo giallo.

Blocco degli averi di Sberbank

Il governo ha anche deciso il blocco degli averi e il divieto di metterli a disposizione per Sberbank, la principale banca russa. Per garantire il regolare svolgimento delle operazioni o la vendita delle filiali di Sberbank sono previste nuove disposizioni derogatorie.

Ieri l’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) ha annunciato di aver prorogato fino al primo settembre le misure ordinate nei confronti di Sberbank (Svizzera), la filiale elvetica del colosso bancario russo. In concreto, si tratta di misure di tutela dei creditori. Tra queste, un ampio divieto di effettuare transazioni e pagamenti; è stata inoltre decisa una moratoria degli impegni derivanti dai depositi.

Sberbank (Svizzera) è una filiale indiretta di Sberbank of Russia. Non è neppure direttamente collegata a Sberbank Europe, che è soggetta a sanzioni a causa della guerra in Ucraina.

Venerdì scorso il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) aveva aggiunto 54 persone e nove organizzazioni ed entità alla lista delle sanzioni. L’elenco svizzero delle persone e delle organizzazioni sanzionate in relazione alla situazione in Ucraina è quindi pienamente in linea con quello dell’Ue, scrive oggi l’esecutivo.

Alimentazione ed energia escluse

La Svizzera è determinata a contribuire alla lotta contro la crisi alimentare ed energetica globale. Il Consiglio federale osserva che nessuna delle sanzioni nei confronti della Russia è diretta contro il commercio di prodotti agricoli e alimentari fra paesi terzi e la Russia. Per evitare interruzioni nei canali di pagamento, il governo ha creato in analogia con l’Ue due nuove deroghe per le transazioni riguardanti i prodotti agricoli e la fornitura di petrolio a paesi terzi.

Nell’ambito del cosiddetto pacchetto di mantenimento e allineamento, l’Ue ha inoltre apportato vari adeguamenti tecnici e linguistici ai provvedimenti esistenti. Il Consiglio federale ha incaricato il DEFR di modificare di conseguenza l’ordinanza in questione. Tali adeguamenti tecnici entreranno in vigore in un secondo momento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
32 min
Verso un no e tre sì
Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
3 ore
C’è tempo fino a mezzogiorno per votare
Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
20 ore
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
21 ore
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
1 gior
Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato
Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
1 gior
L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo
SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior
È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’
L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
1 gior
Luce verde all’export di munizioni in Qatar
Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
1 gior
Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio
Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
2 gior
Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più
Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
© Regiopress, All rights reserved