laRegione
allarme-per-l-approvvigionamento-di-gas
Keystone
07.07.22 - 11:40
Aggiornamento: 17:45
Ats, a cura di Red.Web

Allarme per l’approvvigionamento di gas

‘Il Paese non si rende conto di quanto sia grave la situazione’, afferma il presidente di Swissgas André Dosé

La Svizzera potrebbe trovarsi senza gas nel prossimo inverno: il pericolo è serio, la situazione è grave, ma il Paese non si rende conto di quello che sta succedendo. L’allarme viene lanciato oggi da André Dosé, presidente di Swissgas, l’azienda che acquista e trasporta il gas attraverso il Paese, che critica anche la strategia energetica 2050, definita "una chimera".

"Siamo confrontati con un problema enorme", spiega lo specialista in un’intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. "Attualmente ci sono sempre più segnali che indicano che, dopo la manutenzione di luglio, non arriverà più gas dalla Russia all’Europa attraverso il Nord Stream 1. Nei prossimi giorni potrebbe essere dichiarata una carenza di gas in Germania. In Germania si stanno accendendo centrali elettriche a carbone per produrre elettricità. Allo stesso tempo, il 40-45% delle centrali nucleari in Francia è fuori servizio. Il più grande fornitore di gas al mondo, la tedesca Uniper, ha chiesto allo Stato misure di stabilizzazione a causa di problemi di liquidità".

‘Dipendiamo tutto l’anno dalle importazioni di gas’

"In queste condizioni, basta davvero poco perché l’energia scarseggi in inverno", insiste Dosé, aggiungendo che questo vale anche per la Svizzera. "Dipendiamo dalle importazioni di gas durante tutto l’anno e dalle importazioni di elettricità in inverno".

Dosé punta il dito contro le decisioni politiche

Il manager noto per essere stato ai vertici di Crossair e Swissair punta anche il dito contro le ultime decisioni politiche. "La crisi della Svizzera è in gran parte dovuta a propria colpa. La strategia energetica 2050 è stata costruita sulla sabbia. Si è ipotizzato che non ci sia crescita demografica e che la popolazione riduca il consumo di elettricità. Allo stesso modo, la mobilità elettrica non era inclusa negli scenari al momento della votazione. Era una chimera che non avrebbe mai funzionato in nessun caso. La guerra in Ucraina costringe ora in modo drammatico a un ripensamento".

‘Il fotovoltaico non ci farà superare l’inverno. La Svizzera è in ritardo rispetto ad altri Paesi’

Secondo Dosé non esiste una soluzione a breve termine. "L’espansione del fotovoltaico è giusta e positiva, ma non ci farà superare l’inverno. La Svizzera è in ritardo rispetto ad altri Paesi europei. Inoltre, non abbiamo un accordo sull’elettricità con l’Ue, il che non migliora la nostra situazione".

L’esperto 65enne non esita a parlare di "tempesta perfetta". "E non ho l’impressione che all’interno del Paese vi sia la consapevolezza di quanto pericolosa sia la situazione. Se si chiede alla popolazione di fare la doccia invece del bagno si fraintende fondamentalmente la portata dei nostri problemi".

Critica anche la situazione dell’elettricità

Per Dosé il prossimo inverno ci potranno essere penurie sia di gas che di elettricità. "Entrambi gli scenari sono critici: avrebbero effetto sia sull’industria che sulle economie domestiche". È giusto che ora il governo tratti con la Germania in materia di gas. "Ma avremmo dovuto agire prima. Negoziare un accordo in una situazione di crisi è sempre molto difficile. E la posizione della Svizzera non è delle migliori. Sono quindi piuttosto scettico. Non possiamo contare solo sulla solidarietà dei paesi dell’Ue", conclude il dirigente di Swissgas.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese
Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
1 ora
Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte
I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
1 ora
Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri
La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
Svizzera
1 ora
Lieto evento allo zoo di Basilea: nascono tre procavie
Si tratta di un roditore tipico dell’Africa subsahriana. Il parto è stato possibile nonostante due operazioni agli occhi per la madre dei cuccioli
Svizzera
4 ore
Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia
Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
5 ore
Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal
È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
6 ore
Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini
Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
7 ore
Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn
L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
Svizzera
8 ore
Ancora nessun bambino ucraino arrivato per assistenza medica
Il Paese aveva chiesto alla Svizzera di accogliere 155 bimbi malati. Prima dell’arrivo sono necessari però dei chiarimenti.
Svizzera
23 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
© Regiopress, All rights reserved