laRegione
07.07.22 - 11:40
Aggiornamento: 17:45

Allarme per l’approvvigionamento di gas

‘Il Paese non si rende conto di quanto sia grave la situazione’, afferma il presidente di Swissgas André Dosé

Ats, a cura di Red.Web
allarme-per-l-approvvigionamento-di-gas
Keystone

La Svizzera potrebbe trovarsi senza gas nel prossimo inverno: il pericolo è serio, la situazione è grave, ma il Paese non si rende conto di quello che sta succedendo. L’allarme viene lanciato oggi da André Dosé, presidente di Swissgas, l’azienda che acquista e trasporta il gas attraverso il Paese, che critica anche la strategia energetica 2050, definita "una chimera".

"Siamo confrontati con un problema enorme", spiega lo specialista in un’intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. "Attualmente ci sono sempre più segnali che indicano che, dopo la manutenzione di luglio, non arriverà più gas dalla Russia all’Europa attraverso il Nord Stream 1. Nei prossimi giorni potrebbe essere dichiarata una carenza di gas in Germania. In Germania si stanno accendendo centrali elettriche a carbone per produrre elettricità. Allo stesso tempo, il 40-45% delle centrali nucleari in Francia è fuori servizio. Il più grande fornitore di gas al mondo, la tedesca Uniper, ha chiesto allo Stato misure di stabilizzazione a causa di problemi di liquidità".

‘Dipendiamo tutto l’anno dalle importazioni di gas’

"In queste condizioni, basta davvero poco perché l’energia scarseggi in inverno", insiste Dosé, aggiungendo che questo vale anche per la Svizzera. "Dipendiamo dalle importazioni di gas durante tutto l’anno e dalle importazioni di elettricità in inverno".

Dosé punta il dito contro le decisioni politiche

Il manager noto per essere stato ai vertici di Crossair e Swissair punta anche il dito contro le ultime decisioni politiche. "La crisi della Svizzera è in gran parte dovuta a propria colpa. La strategia energetica 2050 è stata costruita sulla sabbia. Si è ipotizzato che non ci sia crescita demografica e che la popolazione riduca il consumo di elettricità. Allo stesso modo, la mobilità elettrica non era inclusa negli scenari al momento della votazione. Era una chimera che non avrebbe mai funzionato in nessun caso. La guerra in Ucraina costringe ora in modo drammatico a un ripensamento".

‘Il fotovoltaico non ci farà superare l’inverno. La Svizzera è in ritardo rispetto ad altri Paesi’

Secondo Dosé non esiste una soluzione a breve termine. "L’espansione del fotovoltaico è giusta e positiva, ma non ci farà superare l’inverno. La Svizzera è in ritardo rispetto ad altri Paesi europei. Inoltre, non abbiamo un accordo sull’elettricità con l’Ue, il che non migliora la nostra situazione".

L’esperto 65enne non esita a parlare di "tempesta perfetta". "E non ho l’impressione che all’interno del Paese vi sia la consapevolezza di quanto pericolosa sia la situazione. Se si chiede alla popolazione di fare la doccia invece del bagno si fraintende fondamentalmente la portata dei nostri problemi".

Critica anche la situazione dell’elettricità

Per Dosé il prossimo inverno ci potranno essere penurie sia di gas che di elettricità. "Entrambi gli scenari sono critici: avrebbero effetto sia sull’industria che sulle economie domestiche". È giusto che ora il governo tratti con la Germania in materia di gas. "Ma avremmo dovuto agire prima. Negoziare un accordo in una situazione di crisi è sempre molto difficile. E la posizione della Svizzera non è delle migliori. Sono quindi piuttosto scettico. Non possiamo contare solo sulla solidarietà dei paesi dell’Ue", conclude il dirigente di Swissgas.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
13 ore
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
15 ore
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
16 ore
Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci
Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
16 ore
Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice
Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
17 ore
Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo
Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
17 ore
Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino
Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
19 ore
Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta
Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
20 ore
Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima
Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
Svizzera
21 ore
Anno record per Tavolino magico: salvate 6’000 t di derrate
Ma l’associazione avverte: ‘C’è ancora molto da fare nella lotta allo spreco alimentare’. Beneficiari in aumento in Ticino
© Regiopress, All rights reserved