laRegione
guerra-in-ucraina-dalla-svizzera-100-mio-di-franchi-in-aiuti
Keystone
02.06.22 - 17:10
Aggiornamento: 17:41
Ats, a cura de laRegione

Guerra in Ucraina, dalla Svizzera 100 mio di franchi in aiuti

Saranno destinati al Paese stesso, alle nazioni limitrofe ma pure ad altre zone del mondo che subiscono gli effetti negativi del conflitto a lungo termine

La Svizzera destinerà entro fine anno oltre 100 milioni di franchi per ovviare alle conseguenze della guerra in Ucraina. Questi aiuti sono destinati al Paese stesso, alle nazioni limitrofe ma anche ad altre zone del mondo che subiscono gli effetti negativi del conflitto a più lungo termine, ha spiegato Patricia Danzi, responsabile della Divisione dello sviluppo e della cooperazione, durante l’incontro con la stampa degli esperti della Confederazione sull’Ucraina.

Prima della guerra, la Dsc aveva previsto di investire 25 milioni di franchi per progetti in Ucraina. Dopo lo scoppio del conflitto, è stato richiesto al Parlamento un credito supplementare di 61 milioni. A questi si aggiungono sei milioni di franchi per i rifugiati in Polonia stanziati dalla Segreteria di Stato per la migrazione (Sem).

Dal canto suo, la Segreteria di Stato per l’economia (Seco) ha contribuito con 20 milioni di franchi a progetti multilaterali, ha aggiunto Dominique Paravicini, responsabile della Cooperazione economica e dello sviluppo della Seco. Altri dieci milioni di franchi erano già stati previsti per l’Ucraina prima della guerra.

Grazie al credito supplementare, la Dsc potrà espandere l’attività in Ucraina, mantenendo al contempo il proprio impegno nel resto del mondo, ha dichiarato Danzi. La guerra in Ucraina ha infatti aumentato il fabbisogno globale. Nell’Africa subsahariana si profilano gravi crisi alimentari. Inoltre l’assenza di turisti russi in alcuni paesi in via di sviluppo, come l’Egitto, rappresenta la perdita di un’importante fonte di reddito. Nel 2020, anno di pandemia, i turisti russi hanno generato 40 miliardi di franchi di introiti nel mondo, ha sottolineato la responsabile della Dsc.

Importanza della cooperazione

Attualmente la situazione in Ucraina è volatile e i bisogni sono diversi a seconda della regione. All’est la guerra è ancora in corso, la popolazione civile è colpita, ma ci sono poche possibilità di accesso per gli aiuti umanitari e altri attori presenti nel Paese, ha aggiunto. A nord di Kiev, nelle regioni riconquistate dagli ucraini recentemente, la principale sfida da affrontare in questo momento è lo sminamento. L’Ucraina è diventata uno dei paesi più minati del mondo e i civili sono in pericolo.

Lo scoppio della guerra, il 24 febbraio, ci ha colto di sorpresa, ma eravamo comunque preparati ad affrontare la situazione, ha spiegato la responsabile della Dsc. La Svizzera ha potuto reagire velocemente e sin dal primo giorno ha fornito una risposta umanitaria anche perché era già attiva sul posto con programmi di cooperazione. A questo si sono aggiunte condizioni "eccezionali" per un Paese in guerra: il governo e l’amministrazione infatti hanno continuato le loro attività e la rete digitale è rimasta stabile.

La Confederazione ha sostenuto anche organizzazioni non governative locali, internazionali e svizzere fornendo l’appoggio di specialisti. Inoltre ha potuto continuare a seguire i programmi in corso grazie a collaboratori locali che sono rimasti sul posto.

Anche la Seco è già attiva da anni in Ucraina dove si è impegnata in particolare a sostenere le riforme per offrire condizioni quadro favorevoli allo sviluppo economico. Dopo lo choc iniziale dell’invasione, le attività sono riprese, ha spiegato Paravicini. È possibile portare avanti i progetti in gran parte del Paese visto che il 60% del territorio non è coinvolto in operazioni militari.

Per creare condizioni ottimali per le piccole e medie imprese sono necessarie riforme, anche in questo momento non sono prioritarie. Abbiamo visto che quelle realizzate finora sono state utili e hanno migliorato la resilienza del Paese. I progressi ottenuti non devono essere annullati dal conflitto, ha concluso il responsabile della divisione Cooperazione economica e dello sviluppo assicurando che sarà riservata un’attenzione particolare ai bisogni della popolazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti confederazione russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
26 min
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
1 ora
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
2 ore
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
2 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
2 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
3 ore
Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%
L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
4 ore
Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici
La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
7 ore
‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’
Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
Svizzera
7 ore
Disoccupazione Seco immutata al 2% a luglio, in Ticino al 2,3%
Rispetto allo scorso anno il calo è però sensibile, con il 28,7% in meno di persone iscritte nelle liste degli Uffici regionali di collocamento (Urc)
Svizzera
1 gior
Buon compleanno ferrovie svizzere: oggi sono 175 anni
Il 7 agosto 1847 la prima linea ferroviaria interamente su suolo svizzero fu aperta al traffico tra Zurigo e Baden. Le Ffs nacquero a inizio del XX secolo
© Regiopress, All rights reserved