laRegione
16.03.22 - 15:05
Aggiornamento: 17:17

La Svizzera donerà 15 milioni di franchi per lo Yemen

Il presidente della Confederazione Cassis ha chiesto che il Paese non sia dimenticato nonostante la guerra in Ucraina

Ansa, a cura di Marco Narzisi
la-svizzera-donera-15-milioni-di-franchi-per-lo-yemen
Keystone

In occasione della conferenza dei paesi donatori per lo Yemen, il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ha annunciato oggi un ulteriore sostegno finanziario di 14,5 milioni di franchi a favore di attività di aiuto umanitario in loco.

Aprendo l’evento in videoconferenza da Berna, il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha affermato che nonostante la prossimità del conflitto ucraino "non dobbiamo dimenticare le altre crisi".

La situazione nello Yemen rappresenta una delle più gravi crisi umanitarie del mondo, con oltre 23 milioni di persone - ossia più di due terzi della popolazione yemenita - che hanno assoluto bisogno di assistenza umanitaria. Il paese - ricorda il DFAE in una nota - è inoltre afflitto da un problema migratorio di vasta portata, con quattro milioni di sfollati interni e un impatto devastante sulla situazione sanitaria e alimentare nonché sulla formazione scolastica.

E la guerra in Ucraina potrebbe peggiorare ulteriormente la situazione, con i prezzi di cibo, carburanti e altri beni indispensabili che "esploderanno", ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

La conferenza aveva quindi lo scopo di raccogliere fondi a favore delle organizzazioni umanitarie nel paese. L’aiuto della Svizzera si concentrerà sul settore dell’acqua e delle reti idrico-fognarie, sulla sicurezza alimentare e sulla protezione della popolazione civile.

Alla conferenza, tenutasi in formato ibrido a Ginevra e copresieduta dal governo svizzero e da quello svedese insieme all’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, hanno partecipato i ministri di circa 12 paesi nonché rappresentanti di organizzazioni internazionali e non governative. I partecipanti hanno anche lanciato un appello alle parti in conflitto perché accettino il cessate il fuoco.

In sei anni la Svizzera ha già stanziato circa 88 milioni di franchi per gli aiuti allo Yemen.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro
I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
1 ora
Ginevra, Uber può continuare a operare
L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
2 ore
Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3
Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
3 ore
Penuria di farmaci, al lavoro una task force
Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
4 ore
Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento
Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
6 ore
1° febbraio: è il giorno della prova sirene
Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
8 ore
Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’
L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
22 ore
Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto
Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
23 ore
Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti
La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
1 gior
Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi
È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
© Regiopress, All rights reserved