laRegione
01.06.22 - 10:08
Aggiornamento: 11:14

Stop da Berna ai tank svizzeri dalla Danimarca all’Ucraina

La Segreteria di Stato dell’economia ha bocciato la richiesta di Copenaghen: la legge sul materiale bellico vieta la riesportazione a Paesi in guerra

Ats, a cura de laRegione
stop-da-berna-ai-tank-svizzeri-dalla-danimarca-all-ucraina
Keystone

La Danimarca non potrà inviare in Ucraina i suoi veicoli corazzati per il trasporto di truppe Piranha III, progettati dall’azienda svizzera Mowag. La Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha bocciato una richiesta in tal senso pervenuta da Copenaghen, appoggiandosi al concetto di neutralità e alla legge sul materiale bellico.

Secondo quanto riportato oggi dalla trasmissione "Rundschau" della SRF, i danesi volevano trasferire in Ucraina 20 Piranha per scopi di difesa nel quadro dell’invasione russa. Tuttavia, la legge svizzera sul materiale bellico implica generalmente una dichiarazione di non riesportazione per gli Stati con cui si chiude una vendita.

In poche parole, il Paese destinatario, in questo caso la Danimarca, si impegna a non spedire all’estero il materiale acquistato senza il previo consenso di Berna. Le esportazioni verso nazioni in guerra, come l’Ucraina, non sono consentite. Questi criteri sono obbligatori, ha scritto la SECO in una e-mail mandata alla SRF, che l’agenzia Keystone-ATS ha potuto consultare.

Due domande provenienti dalla Germania sono già state respinte in aprile per gli stessi motivi. Una riguardava le munizioni svizzere da 35 millimetri per i carri armati antiaerei Gepard, la seconda altre non specificate munizioni da 12,7 millimetri. Il ministro tedesco dell’economia Robert Habeck aveva chiesto in tal proposito un incontro con il Consiglio federale per valutare se fosse possibile sbloccare queste forniture da destinare all’Ucraina.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Buste paga meno pesanti per le donne? ‘Non è discriminazione’
Per Conny Wunsch, professoressa di economia del lavoro a Basilea, le ragioni delle disparità salariali sono molteplici
Svizzera
13 ore
Consegnati all’esercito i primi due droni israeliani
Gli apparecchi israeliani sarebbero dovuti arrivare a partire dal 2019. Gli altri quattro saranno consegnati entro la fine dell’anno
Svizzera
14 ore
Netto balzo in avanti dei pernottamenti in dicembre
Secondo una prima stima, la progressione è stata del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021. Grazie in particolare ai turisti (+67%)
Svizzera
14 ore
Medicina di genere, nuova cattedra all’Università di Zurigo
Si tratta di una prima in Svizzera. Obiettivo: mettere l’accento sulle donne nella ricerca medica
Svizzera
16 ore
Sospeso il processo d’Appello a Blatter e Platini
La causa dello stop al procedimento per truffa è una richiesta di ricusazione dell’insieme del tribunale
Svizzera
16 ore
Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna
Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
Svizzera
18 ore
Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten
Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
19 ore
‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga
Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
19 ore
Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo
L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
20 ore
Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti
Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
© Regiopress, All rights reserved