laRegione
03.06.22 - 19:25
Aggiornamento: 20:21

Armi svizzere riesportate in Ucraina? Il governo dice ‘no’

Il Consiglio federale non autorizza le richieste presentate da Germania (munizioni per i Gepard) e Danimarca (mezzi Piranha)

Ats, a cura de laRegione
armi-svizzere-riesportate-in-ucraina-il-governo-dice-no
Keystone
La Danimarca non potrà esportare i Piranha svizzeri

Berna – La Svizzera non può autorizzare una richiesta di trasferimento all’Ucraina di materiale bellico di provenienza elvetica da parte di Paesi terzi. Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale. Continua a essere ammessa invece la fornitura di assemblaggi e componenti ai produttori europei, anche se poi le armi fabbricate all’estero potrebbero essere fornite all’Ucraina.

Il caso concreto riguarda Germania e Danimarca, che hanno chiesto alla Svizzera di poter riesportare materiale bellico in Ucraina. La richiesta tedesca riguarda circa 12’400 munizioni da 35 mm di provenienza svizzera per il semovente antiaereo Gepard come pure veicoli corazzati Piranha III per il trasporto di truppe ormai dismessi acquistati in passato dalla Danimarca e stazionati attualmente in Germania. La richiesta della Danimarca concerne invece 22 Piranha III fabbricati in Svizzera.

La legge è chiara, il diritto della neutralità anche

La legge sul materiale bellico – precisa una nota diffusa in serata – prevede che l’autorizzazione per l’esportazione non venga rilasciata se il Paese destinatario è implicato in un conflitto armato internazionale: è il caso di quanto avviene attualmente tra Russia e Ucraina.

In virtù del principio della parità di trattamento ai sensi del diritto della neutralità e della legge sul materiale bellico non è possibile autorizzare esportazioni dalla Svizzera in Ucraina; ne consegue che non può essere autorizzata neanche una riesportazione di materiale bellico svizzero da parte della Germania e della Danimarca, precisa il governo.

Componenti e assemblaggi ‘compatibili’ con la neutralità

Il Consiglio federale ha pure esaminato due richieste di aziende elvetiche relative alla fornitura di componenti e assemblaggi di materiale bellico a imprese d’armamento in Germania e Italia. Una richiesta riguarda componenti per lanciarazzi anticarro e l’altra componenti per la difesa antiaerea. In entrambi i casi vi è il rischio che alcuni componenti possano essere incorporati in armamenti fabbricati all’estero e inviati poi in Ucraina.

Il governo ricorda che la legge sul materiale bellico prevede la possibilità per le imprese svizzere di partecipare alle catene del valore internazionali dell’industria degli armamenti. Di norma il Consiglio federale approva tali forniture di componenti e assemblaggi purché il loro valore rispetto al materiale bellico finito non oltrepassi una certa soglia (che per la Germania e l’Italia è del 50%). In questo caso l’esecutivo ha deciso di mantenere l’approccio seguito finora. "Esportazioni di questo tipo sono in linea con il diritto della neutralità", conclude la nota.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
19 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
21 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
21 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
22 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved