laRegione
si-al-paracadute-per-le-aziende-elettriche
Ti-Press
Obiettivo: garantire la continuità dell’approvvigionamento in Svizzera
16.06.22 - 17:21
Ats, a cura de laRegione

‘Sì’ al ‘paracadute per le aziende elettriche

Gli Stati approvano il piano di salvataggio, elaborato dal Governo, per il settore. Il dossier passa ora al Consiglio nazionale

I fornitori di elettricità devono essere in grado di acquistarla in qualsiasi momento, anche qualora si verificasse un ulteriore aumento dei prezzi. Questo l’obiettivo del piano di salvataggio per il settore, elaborato dal Governo per sostenere finanziariamente le aziende e garantire la continuità dell’approvvigionamento in Svizzera in caso di bisogno e approvato oggi a larga maggioranza dal Consiglio degli Stati.

Negli ultimi mesi, i mercati energetici europei hanno registrato un’impennata dei prezzi, fenomeno che si è acuito con la guerra in Ucraina tanto da raggiungere picchi storici. Il Consiglio federale ha quindi redatto in fretta e furia un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema ed evitare le conseguenze devastanti di un blackout prolungato.

L’obiettivo è mettere le società del settore nelle condizioni di poter acquistare elettricità in qualsiasi momento, anche in caso di sviluppi eccezionali del mercato. A differenza del Consiglio federale, i ‘senatori’ hanno deciso di includere anche le imprese più piccole, a condizione che abbiano una rilevanza sistemica. Il governo voleva considerare solo i tre grandi gruppi Axpo, Alpiq e Bkw. Quest’ultimo ha già fatto sapere di non volere questa garanzia federale, Axpo solo se è su base volontaria.

Grazie ai 10 miliardi di franchi che verrebbero messi sul piatto, le aziende alle prese con prezzi estremi o inadempienze su larga scala delle controparti otterrebbero in poche ore, sotto forma di prestiti, la liquidità necessaria. Le condizioni per ottenerli sono però severe. Le società elettriche potranno quindi "afferrare il salvagente solo poco prima di annegare", ha riassunto Jakob Stark (Udc/Tg).

Il progetto, che prevede un tasso d’interesse conforme al mercato, permetterà alla Confederazione di riscuotere un supplemento di rischio compreso tra il 4% e il 10%. Questa condizione è stata fissata allo scopo di stimolare le aziende a fare tutto il possibile per ottenere finanziamenti dai loro proprietari e dalle banche, in modo da ricorrere al sostegno di Berna solo in casi di estrema emergenza.

Da notare che durante il dibattito d’entrata in materia una minoranza del plenum, della quale si è fatto portavoce con una proposta di rinvio Stefan Engler (Centro/Gr), avrebbe voluto rispedire il progetto di legge al governo, in quanto convinta che il meccanismo, nella sua forma attuale, metta troppo l’accento sul salvataggio delle singole imprese. A suo avviso, l’obiettivo principale dovrebbe invece essere quello di assicurare un approvvigionamento sicuro di energia elettrica al Paese.

"C’è urgenza: la legge deve essere adottata il più rapidamente possibile", ha replicato il relatore commissionale Daniel Fässler (Centro/Ai). Con la guerra in Ucraina e l’aumento dei prezzi sul mercato elettrico europeo il rischio di penuria è reale, ha avvertito.

"È fondamentale dare certezza alle imprese svizzere che operano sul mercato europeo", ha poi aggiunto Elisabeth Baume-Schneider (Ps/Ju). "Meglio un buon progetto che uno perfetto, meglio ora che domani", ha aggiunto Stark. Quest’ultimo, membro del Consiglio di amministrazione di Axpo, è stato l’unico del suo partito a rifiutare il rinvio del dossier al governo.

Il dossier passa al Consiglio nazionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aziende elettriche confederazione sostegno finanziario
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
16 min
Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi
A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
26 min
69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie
In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
Svizzera
41 min
Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-Covid
Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
Svizzera
1 ora
Lavoro e permessi S, le aziende vogliono più sicurezze
Il 56% degli imprenditori ha mostrato interesse ad assumere profughi ucraini, il 10% già l’ha fatto. Ma servirebbero maggiori garanzie
Svizzera
2 ore
Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole
Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
2 ore
La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio
La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
Svizzera
2 ore
Torna il sereno sul turismo. Ma la crisi non è alle spalle
Svizzera Turismo tira le somme della prima parte della stagione, ed è un bilancio positivo. In vista dell’autunno la prudenza resta però d’obbligo
Svizzera
2 ore
La ripresa economica spinge l’aumento dell’immigrazione
Nel primo semestre 2022 l’immigrazione nella popolazione residente permanente di nazionalità straniera è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente
Svizzera
4 ore
Dati Ilo: In Svizzera più occupati e disoccupazione in calo
La rilevazione sulla forza lavoro per il secondo trimestre 2022 dell’Ufficio internazionale del lavoro si basa su sondaggi, a differenza di quella Seco
Svizzera
4 ore
Vendita di canapa: Basilea fa da apripista
Il primo studio sperimentale in Svizzera scatterà a metà settembre in riva al Reno. Iscrizioni aperte: i posti sono limitati a 370
© Regiopress, All rights reserved