laRegione
08.04.22 - 16:17
Aggiornamento: 19:13

Niente obiettivi per arginare il boom dei costi della salute

La Commissione della sanità del Nazionale sposa il controprogetto governativo, preferendolo all’iniziativa del Centro. Ma con alcuni correttivi

Ats, a cura di Moreno Invernizzi
niente-obiettivi-per-arginare-il-boom-dei-costi-della-salute
Keystone
Ma niente obiettivi circa l’aumento massimo

L’aumento dei costi dell’assicurazione malattia obbligatoria va frenato con misure concrete nelle tariffe e nelle analisi di laboratorio, non regolato mediante definizioni di obiettivi.

È quanto pensa la Commissione della sanità del Nazionale che intende ‘correggere’ il controprogetto governativo all’iniziativa del Centro "Per premi più bassi-Freno ai costi nel settore sanitario (Iniziativa per un freno ai costi)". Il dossier verrà trattato dal plenum in giugno, indica una nota odierna dei servizi parlamentari.

L’iniziativa del Centro

L’iniziativa vuole fare in modo che i costi evolvano in modo corrispondente all’economia nazionale e ai salari medi, e che i premi rimangano finanziariamente sostenibili. Dal canto suo, il Consiglio federale considera il nesso con l’evoluzione dei salari una misura troppo rigida e non differenziata, che non tiene conto di fattori come l’evoluzione demografica, i progressi tecnici della medicina e la dipendenza dei salari dall’andamento congiunturale.

Vi è il pericolo, per l’esecutivo, che la rigidità della regola in materia di uscite porti a un razionamento delle prestazioni e a una medicina a due velocità.

Il controprogetto

A guisa di controprogetto indiretto, l’esecutivo propone di introdurre nella legge un obiettivo sull’evoluzione dei costi. Confederazione e Cantoni dovranno stabilire annualmente un tetto massimo dei costi in ogni settore dell’Assicurazione di base per le cure medico-sanitarie.

In caso di superamento dell’obiettivo di costo, verrebbero adottati correttivi che potrebbero riguardare l’adeguamento di tariffe o l’autorizzazione di fornitori di prestazioni.

Nessun obiettivo di costo

Dopo aver respinto per 20 voti a 4 l’iniziativa del Centro, la commissione ha approvato il controprogetto – 15 voti a 10 – stabilendo tuttavia di non volerne sapere di una definizione di obiettivi per l’aumento massimo dei costi, come propone il Consiglio federale. La maggioranza teme che l’approvvigionamento dei pazienti possa essere pregiudicato.

La Commissione propone invece una serie di provvedimenti concreti, in particolare per quanto riguarda le tariffe e le analisi di laboratorio. Circa il tariffario medico, ossia il Tarmed, il Consiglio federale dovrà ridurre immediatamente le indennità in eccesso nell’obsoleta struttura tariffale nel settore delle cure mediche ambulatoriali (13 voti a 12). Secondo la volontà della maggioranza, tale provvedimento dovrebbe avere effetto già per la procedura di approvazione dei premi 2024, il che non sembra fattibile per la minoranza. Questa disposizione decadrebbe non appena il Tarmed sarà sostituito da una nuova struttura tariffale.

Qualora poi una convenzione tariffale non soddisfi più i criteri di economicità e appropriatezza e i partner tariffali non si accordino entro un anno su un adeguamento, l’autorità potrà intervenire, stabilendo tariffe differenziate per singole voci della struttura tariffale o per gruppi di fornitori di prestazioni (15 voti a 9). L’autorità potrebbe così, ad esempio, ridurre le tariffe per alcuni specialisti o promuovere i medici di base in alcune regioni.

Da ultimo, le casse malati dovranno rimborsare le analisi soltanto ai laboratori con i quali hanno concluso un contratto (principio della libertà contrattuale, 16 voti a 3 e 5 astensioni). I rimborsi dovrebbero essere inferiori alle tariffe stabilite dall’autorità che approva. Sono esclusi da tale norma i laboratori di studio medico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 min
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
21 min
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
3 ore
Per la Rega nel 2022 un numero di pazienti soccorsi da record
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
Svizzera
18 ore
Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale
Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
22 ore
USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro
I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
22 ore
Ginevra, Uber può continuare a operare
L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
1 gior
Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3
Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
1 gior
Penuria di farmaci, al lavoro una task force
Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
1 gior
Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento
Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
1 gior
1° febbraio: è il giorno della prova sirene
Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
© Regiopress, All rights reserved