laRegione
02.03.22 - 19:44

Il Nazionale scioglie l’Iniziativa per i ghiacciai

È cominciato il dibattito fiume alla Camera del popolo. Il controprogetto governativo ha buone chance. Ma la maggioranza vuole agire a livello di legge.

ATS, a cura di Stefano Guerra
il-nazionale-scioglie-l-iniziativa-per-i-ghiacciai
Keystone
Dibattito fiume al Consiglio nazionale

Berna – È iniziato mercoledì pomeriggio al Consiglio nazionale il lunghissimo dibattito – la presidente Irène Kälin (Verdi/Ag) ritiene che durerà complessivamente 8 ore – sull’iniziativa popolare "per i ghiacciai" e sul relativo controprogetto. Dopo i primi interventi appare chiaro che la proposta di modifica costituzionale sarà bocciata e la controproposta accolta.

L’iniziativa "Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)", depositata il 27 novembre 2019 dall’Associazione svizzera per la protezione del clima, chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di CO2 ne possano assorbire. Contemporaneamente non dovrà in linea di principio più essere possibile immettere sul mercato combustibili e carburanti di origine fossile. Deroghe sarebbero possibili per le applicazioni per le quali non esistono alternative tecniche.

È quest’ultimo aspetto che non piace al governo, alla commissione preparatoria e alla maggioranza dei consiglieri nazionali che si sono espressi mercoledì, i quali chiedono una formulazione più blanda. Per questo motivo la maggioranza sostiene il controprogetto proposto dal Consiglio federale che riprende l’obiettivo di un saldo netto delle emissioni, ma che tiene conto maggiormente degli interessi in gioco circa combustibili e carburanti fossili.

Due controprogetti

Sebbene la commissione sostenga il controprogetto diretto proposto dal governo, ha detto il relatore commissionale Jacques Bourgeois (Plr/Fr), vorremmo tuttavia che la controproposta venisse elaborata in modo indiretto, ossia a livello di legge e non di Costituzione federale. Il motivo? Questa strada è più veloce, ha sostenuto il friburghese.

Nell’attesa dell’elaborazione della legge, che dovrebbe essere pronta per la sessione estiva, è però necessario approvare il controprogetto diretto allo scopo di poter prorogare di un anno i termini di trattazione dell’iniziativa, ha poi precisato Bourgeois. In caso contrario la raccomandazione di voto sull’iniziativa andrà definita nella sessione estiva.

Esprimendosi sugli obiettivi dell’iniziativa, Bourgeois ha detto di essere preoccupato per il cambiamento climatico, anche perché in Svizzera il riscaldamento ambientale è più pronunciato. "Il nostro Paese ha registrato un aumento medio della temperatura doppio rispetto a quello osservato a livello mondiale", ha spiegato il friburghese. Per questo motivo il raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050 è indiscusso.

Sfida significativa

Di "sfida significativa" ha parlato Matthias Jauslin (Plr/Ag). Per l’argoviese le contromisure devono essere "ecologicamente, economicamente e socialmente sostenibili". Solo così possono essere "efficaci, accessibili e accettabili per la popolazione".

Jauslin ha chiesto una politica ambientale liberale: gli obiettivi climatici sono raggiungibili con l’innovazione e buone condizioni quadro, non con rigide politiche proibizioniste. In questo senso l’argoviese chiede che l’iniziativa venga bocciata a favore del controprogetto. Quest’ultimo ha il pregio di prendere esplicitamente in considerazione anche le situazioni delle regioni di montagna e periferiche, ha aggiunto Priska Wismer-Felder (Centro/Lu).

Recuperare il tempo perso

A sinistra, il Ps chiede di approvare l’iniziativa e il controprogetto. "Insieme, questi due dossier permetteranno al nostro Paese di recuperare un po’ del ritardo accumulato in questo compito fondamentale del XXI secolo", ha detto Baptiste Hurni (Ps/Ne).

Parlando del consumo di gas, Roger Nordmann (Ps/Vd) ha spiegato, alludendo all’invasione dell’Ucraina, come gli investimenti nelle energie rinnovabili sono importanti anche da un punto di vista geostrategico. Con le proposte in discussione "non stiamo solo imponendo sanzioni al regime russo, non stiamo solo condannando la guerra, ma stiamo cercando di fermare il suo finanziamento", ha sostenuto il vodese.

Per Bastien Girod (Verdi/Zh), che ha evocato l’aumento degli eventi meteorologici estremi, lo scioglimento dei ghiacciai è solo la punta dell’iceberg. Per lo zurighese non si può tergiversare: "Ci stiamo avvicinando sempre più al punto di non ritorno". La vita sulla Terra sarà minacciata con un riscaldamento superiore a 1,5 gradi. Per questo motivo, ha aggiunto lo zurighese, l’iniziativa popolare va accettata. L’ecologista si è invece detto contrario al controprogetto diretto, che a suo dire non porta nessun plusvalore rispetto all’iniziativa.

Priorità all’approvvigionamento

L’Udc è invece contraria sia all’iniziativa che al controprogetto. "Il popolo ha chiaramente detto ‘no’, respingendo la legge sul CO2, agli obiettivi irrealistici della sinistra", ha detto Christian Imark (Udc/So). "Le proposte nebulose non ci portano da nessuna parte", ha aggiunto sostenendo come la Svizzera, a livello internazionale, è già sulla buona strada per quel che concerne le emissioni di CO2.

In ogni caso, ha proseguito Imark, la priorità va data alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico. "Non si può semplicemente decidere di bandire i combustibili fossili senza pensare alla loro sostituzione", ha aggiunto Pierre-André Page (Udc/Fr).

Le discussioni, interrotte alle 19, riprenderanno domani mattina.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente
La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
4 ore
Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili
Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
Svizzera
5 ore
Saranno quasi 200 i milioni di franchi destinati all’ambiente
Lo ha deciso il Consiglio degli Stati per 29 voti a 16, approvando una proposta di minoranza della verde Adèle Thorens Goumaz
Svizzera
9 ore
Nessuna sanzione disciplinare contro Roger Köppel
Il consigliere nazionale Udc era sospettato di aver violato il segreto d’ufficio per alcune dichiarazioni sul suo canale video
Svizzera
16 ore
Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna
Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
17 ore
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
1 gior
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 gior
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
2 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
2 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
© Regiopress, All rights reserved