laRegione
28.02.22 - 11:39
Aggiornamento: 21:45

Farmaci generici e tariffe ospedaliere troppo cari

Lo indica un rapporto del Sorvegliante dei prezzi relativo al 2021. In Svizzera, i generici costano due volte e mezzo in più che all’estero

ATS, a cura di Moreno Invernizzi
farmaci-generici-e-tariffe-ospedaliere-troppo-cari
Ti-Press
Nel mirino in particolare i prezzi dei generici

Numerosi sono gli argomenti trattati nel 2021 dal Sorvegliante dei prezzi e che restano attuali quest’anno: tra questi i prezzi della sanità come le tariffe ospedaliere e i prezzi dei farmaci generici e il prezzo del gas, fortemente aumentato l’anno scorso. Anche la pandemia è stata un tema toccato da Stephan Meierhans, ha indicato oggi quest’ultimo in una conferenza stampa a Berna.

Per quanto riguarda la pandemia sono stati in particolare esaminati i prezzi dei test di laboratorio per il Sars-CoV-2 e il costo della vaccinazione anti-Covid, quindi rivolte raccomandazioni formali al Consiglio federale, ha detto Meierhans. In seguito i prezzi dei test di laboratorio sono stati leggermente ridotti, rimanendo tuttavia ancora troppo elevati, mentre le tariffe forfettarie per la somministrazione del vaccino sono state addirittura aumentate invece che diminuite, ha sottolineato.

Ancora fortemente colpito dalla crisi della pandemia è il trasporto pubblico dove, in particolare per quello a lunga distanza, si continua a risentire del calo degli utenti, ha detto Mister Prezzi, aggiungendo che però al momento si è potuta garantire la stabilità dei prezzi. Tuttavia – ha sottolineato – considerando il cambiamento delle abitudini soprattutto a livello lavorativo (home office) è assolutamente necessario proporre offerte adeguate e tariffe competitive.

Tariffe ospedaliere eccessive

Altro punto sul quale si è focalizzato Meierhans è stato l’esame delle tariffe ospedaliere nell’assicurazione di base. Si è dovuto calcolare un nuovo benchmark nazionale delle tariffe ospedaliere stazionarie degli ospedali somatici acuti e delle cliniche psichiatriche.

Nel caso delle tariffe ospedaliere per l’assicurazione malattia complementare, un’indagine ha dimostrato che tali tariffe sono elevate e sproporzionate rispetto agli effettivi costi aggiuntivi per i servizi supplementari. "Ci sono chiare indicazioni che le tariffe nel settore delle assicurazioni complementari sono eccessive in tutta la Svizzera", ha indicato. Occorre quindi agire al più presto. Il Sorvegliante dei prezzi è a tale proposito in stretto contatto con il settore interessato e la FINMA.

Medicinali generici sempre troppo cari

Tema dolente resta quello dei medicinali: secondo un confronto aggiornato dei prezzi dei farmaci generici, quelli svizzeri sono chiaramente eccessivi, ha affermato il Sorvegliante dei prezzi. Rispetto a 15 Paesi di riferimento, in media i generici più economici dei 20 principi attivi con brevetto scaduto con il maggior fatturato sono oltre due volte e mezzo più cari (+165%), mentre i medicinali originali con brevetto scaduto costano il 64% in più.

L’introduzione di un sistema efficace di prezzi di riferimento avrebbe potuto risolvere questo problema, ma il Parlamento ne ha respinto per il momento l’introduzione. Ora occorre quindi sviluppare rapidamente modelli alternativi e sistemi di incentivi quantomeno per mitigare il problema dei prezzi il più presto possibile.

Prezzo gas fortemente aumentato

Il forte aumento dei prezzi del gas dell’anno scorso ha poi spinto il Sorvegliante dei prezzi a chiedere spiegazioni: le compagnie in questione hanno giustificato tale aumento con l’incremento dei costi per l’approvvigionamento di gas naturale. Chiarimenti sono tuttora in corso.

Accordo con la Posta svizzera

Il Sorvegliante dei prezzi ha raggiunto un accordo con la Posta su un pacchetto di prezzi e misure, che nell’insieme non dovrebbero avere impatto sul risultato dell’impresa, nell’ambito della posta pacchi e lettere per il 2022 e il 2023. La componente principale è costituita da vantaggi tariffari per le PMI nella spedizione di pacchi. Per contro, l’affrancatura delle lettere per la posta A e B è stata leggermente aumentata. Mister Prezzi, tuttavia, ha respinto un aumento dei prezzi dei pacchi postali.

Meierhans è stato anche molto attivo sul fronte dei servizi comunali di approvvigionamento e smaltimento. Il numero dei progetti tariffali sottopostigli per un parere è nuovamente aumentato: ha analizzato complessivamente 102 tasse per l’approvvigionamento idrico, 81 per lo smaltimento delle acque di scarico e 82 sui rifiuti.

Nel settore dei servizi finanziari è stato esaminato il modello tariffario di Worldline/Six Payment Services AG ("SIX") per le nuove carte di debito VISA (VPAY e Visa Debit) e MasterCard Debit: si è notato, ha indicato Meierhans, che con il nuovo modello le operazioni di piccola entità sono nettamente più economiche rispetto agli importi fissi addebitati dalle "vecchie" carte Maestro o VPAY. Al contrario, le commissioni per le operazioni di valore più elevato fanno registrare un aumento dei prezzi sproporzionato. Il Sorvegliante dei prezzi ha raggiunto un accordo amichevole con il leader di mercato Worldline/Six Payment Services AG ("SIX"): ora un tetto massimo protegge i commercianti da commissioni ingiustificate per le transazioni di maggior entità.

L’anno scorso il Sorvegliante dei prezzi si è occupato di 1’440 segnalazioni da parte dei cittadini, la maggior parte delle quali riguarda i prezzi della sanità (17,3%), seguiti dal settore finanziario (11,3%) e dal settore della consegna di lettere e pacchi, compreso lo sdoganamento (11%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
rapporti svizzera-ue
32 min
‘Nessuna differenza insormontabile tra Berna e Bruxelles’
La dichiarazione congiunta dopo l’incontro a Rapperswil-Jona con i delegati della Confederazione e dell’Unione europea
Svizzera/Sahara occidentale
2 ore
La Svizzera nega il visto ai rappresentanti saharawi
I cinque componenti della società civile saharawi avrebbero dovuto testimoniare durante il 51° Consiglio dei diritti umani a Ginevra
Svizzera
3 ore
Läderach mastica amaro: sul deep web i dati rubati dagli hacker
L’azienda era stata vittima di un attacco informatico un mese fa. Afferma di non aver pagato alcun riscatto ai criminali informatici
Svizzera
6 ore
Disoccupazione? Per la Seco livelli mai così bassi
Situazione giudicata buona ma con dei lati negativi: manca infatti la manodopera qualificata e le aziende faticano a trovare personale adeguato
Svizzera
10 ore
Disoccupazione Seco stabile al 2,4% in Ticino
Il tasso di iscritti negli Uffici regionali di collocamento a livello nazionale è sceso sotto il 2% per la prima volta dal 2001
energia
20 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
1 gior
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
1 gior
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
1 gior
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
© Regiopress, All rights reserved