laRegione
19.10.21 - 14:09
Aggiornamento: 19:49

Gli ospedali fatturano prezzi eccessivi alle complementari

Secondo Mister Prezzi i nosocomi fanno pagare degli extra ai pazienti assicurati in reparto semi-privato o privato

Ats, a cura de laRegione
gli-ospedali-fatturano-prezzi-eccessivi-alle-complementari
Keystone

Un’analisi che, senz’altro, farà discutere: stando a Mister Prezzi, infatti, gli ospedali fatturano prezzi a suo parere eccessivi ai pazienti con un’assicurazione complementare.

È l’ipotesi, suffragata da un esame delle tariffe, enunciata dal sorvegliante dei prezzi, Stefan Meierhans, in un rapporto reso noto oggi. Oltre alle prestazioni fornite dall’assicurazione di base, i nosocomi fanno pagare ai degenti assicurati in semi-privata una media di 6’745 franchi a testa e 8’960 franchi a quelli coperti privatamente.

Considerando che l’assicurazione di base copre già la maggior parte delle prestazioni ospedaliere stazionarie, ci sono secondo Meierhans “indicazioni chiare e inequivocabili che le tariffe dell’assicurazione malattia complementare in Svizzera siano eccessive in generale”.

Stando al documento, le tariffe eccessive si riflettono in premi eccessivi per le assicurazioni semi-private e private. A suo avviso, è urgente modificare le leggi in materia per un controllo più efficace dei prezzi. Meierhans si avvale anche della giurisprudenza del Tribunale federale: sebbene la Corte consideri ammissibili tariffe supplementari per il ricovero in ospedale, chiarisce anche che esse debbano coprire solo le prestazioni che non sono già coperte dall’assicurazione di base.

L’Autorità di sorveglianza dei mercati finanziari (Finma), cui spetta la sorveglianza sugli assicuratori complementari, ha rilevato che le fatture emesse in questo settore sono sovente poco trasparenti, se non infondate o ingiustificate.

Per Meierhans, ci sono forti indizi che le tariffe applicate superino chiaramente i costi dei servizi aggiuntivi. Ciò crea a suo avviso incentivi per sottoporre i pazienti con un’assicurazione complementare a trattamenti senza indicazione medica. Poiché tali trattamenti sono anche fatturati attraverso l’assicurazione sanitaria di base, la pressione su quest’ultima sale. Il risultato? Un inutile incremento dei premi sanitari nell’assicurazione di base.

In linea di principio, gli ospedali sono liberi nel modulare le tariffe per le assicurazioni complementari. Ciò spiega come mai ci si trovi di fronte a una congerie di modelli tariffari diversi che rende difficile, se non impossibile, un confronto diretto senza ulteriori approfondimenti.

Sulla base dei costi effettivi fatturati da 147 ospedali per pazienti acuti, il sorvegliante dei prezzi ha constatato tariffe molto diverse per i servizi forniti in aggiunta all’assicurazione di base. In media, i costi per questi casi sono del 33% più elevati di quelli dell’assicurazione di base.

17’772 franchi di maggiori costi aggiuntivi per caso nel comparto semi-privato, significano il 163% in più rispetto ai costi aggiuntivi di un ospedale medio. Anche le tariffe del reparto privato si distinguono per eterogeneità: qui, la differenza tra l’ospedale più caro – 19’391 franchi per caso – con quello più economico, è del 596%.

Sulla base di queste cifre, Meierhans chiede un intervento rapido delle autorità. Nel frattempo intende approfondire la questione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
14 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
16 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
17 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
18 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
20 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved