laRegione
marco-chiesa-critica-la-politica-energetica-svizzera
Keystone
15.01.22 - 13:440
Aggiornamento : 15:50

Marco Chiesa critica la politica energetica svizzera

Durante l‘assemblea dei delegati, il presidente dell’Udc ha messo nuovamente in guardia da una ’catastrofe energetica’

Il presidente dell’Unione democratica di centro (UDC) Marco Chiesa ha messo nuovamente in guardia da una “catastrofe energetica”. Il Consiglio federale deve agire subito per evitare una situazione di penuria con conseguenze devastanti per la Svizzera.

Soprattutto la ministra dell’energia Simonetta Sommaruga (socialista) deve finalmente fare il proprio lavoro, ha dichiarato oggi Chiesa davanti ai delegati del suo partito riuniti a Reconvilier (BE). “Continuare a rinnegare la realtà e costruire castelli in aria in materia di politica energetica è fatale e irresponsabile.”

La Strategia energetica 2050 sviluppata da ideologi di sinistra è fallita, ha sostenuto il Ticinese: esponenti di punta dell’economia, della Confederazione e della scienza concordano sul fatto che una situazione di penuria energetica rappresenti la maggiore minaccia per la Svizzera e potrebbe essere realtà già fra due o tre anni.

Il Consiglio federale deve nominare al più presto un “generale per la crisi energetica” con il compito di elaborare entro l’estate soluzioni per un approvvigionamento elettrico sicuro, indipendente e a basso costo. Gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 devono essere rinviati, inoltre la Confederazione deve richiamare al dovere i cantoni e le città che con la loro politica energetica irresponsabile mettono a rischio un approvvigionamento sicuro.

Concretamente un razionamento dell’energia dovrebbe colpire per primi cantoni quali Zurigo e Basilea Città, che con misure come il divieto di riscaldamenti a gasolio accrescono ulteriormente il rischio di una situazione di penuria, ha dichiarato Chiesa tra gli applausi dei presenti, i quali hanno accolto la serie di proposte con 208 voti favorevoli e nessun contrario.

L’UDC aveva già presentato in novembre un "documento di posizione" sulla politica energetica, in base al quale la Svizzera dovrebbe continuare a puntare soprattutto sull’energia idroelettrica e nucleare, “pilastri affidabili” dell’approvvigionamento. La produzione elettrica deve pure essere sicura, ecologica, a basso costo e il più indipendente possibile dall’estero. Inoltre deve essere ampliata la produzione durante l’inverno.

Fratture nella società

Dopo Chiesa ha preso la parola il consigliere federale democentrista Ueli Maurer, che ha parlato delle fratture nella società sorte in relazione all’epidemia di Covid-19. Dal punto di vista sanitario la crisi potrebbe essere superata nei prossimi mesi, mentre la spaccatura nella società, ha avvertito, verosimilmente occuperà il Paese più a lungo, forse tanto quanto i debiti accumulati per far fronte all’emergenza.

Lo Zurighese ha quindi sottolineato che, come è nella sua natura, egli ha sempre analizzato criticamente ogni decisione presa, ma ciò non significa che egli sia un sostenitore delle teorie complottistiche o un oppositore alle misure di contenimento: “mi concedo semplicemente il lusso di un’opinione personale”, ha affermato tra gli applausi.

Il ministro delle finanze ha poi spiegato che entro la fine del 2022 la Confederazione avrà speso 35 miliardi di franchi per far fronte all’emergenza coronavirus e si è accumulata una montagna di debiti che bisognerà ridurre nei prossimi dodici anni circa. Questo significa che avremo a disposizione meno denaro per nuove spese, e “questo ci farà certamente molto male“. "Durante la crisi abbiamo vissuto sopra le nostre disponibilità”, ha aggiunto Maurer, e ciò è stato assolutamente necessario, "ma ora dobbiamo tornare alla disciplina”.

Tre no e un sì

I delegati dell’UDC hanno quindi espresso le loro raccomandazioni in vista delle quattro votazioni federali in programma il prossimo 13 febbraio. Con 208 voti contro 2, l’assemblea propone al popolo di respingere l’iniziativa popolare “Sì al divieto degli esperimenti sugli animali e sugli esseri umani - Sì ad approcci di ricerca che favoriscano la sicurezza e il progresso”.

Con 190 voti contro 11, invita a bocciare anche l’iniziativa “Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco”. I due testi sono stati considerati “troppo estremi” dal partito di Marco Chiesa.

Anche la legge federale sul pacchetto di aiuti in favore dei media ha subito la stessa sorte. I delegati l’hanno respinta con 204 voti contro 3, mostrandosi sensibili all’argomento secondo il quale si tratta di un “regalo milionario” nei confronti dei grandi editori svizzerotedeschi.

Contestata tramite un referendum dalla sinistra, la modifica della legge federale sull’abolizione della tassa di bollo è invece stata sostenuta dai delegati UDC con 210 voti contro 1. Per i democentristi si tratta di un "progetto cruciale" per l’economia e gli impieghi. Descritta come favorevole alle PMI e alle start-up, la legge è stata “plebiscitata” con 210 voti a favore contro 1.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Coronavirus, in 24 ore 29’142 nuovi casi in Svizzera
Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
3 ore
Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta
Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
4 ore
Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein
A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
4 ore
Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas
Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
4 ore
Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti
Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
5 ore
Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato
La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
Svizzera
20 ore
I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio
Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza
Svizzera
21 ore
Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon
Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
Svizzera
1 gior
In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi
Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
Svizzera
1 gior
Scuola reclute invernale al via tra severe misure di protezione
Parte dei militi verrà istruita da casa nelle prime 3 settimane. L’entrata in servizio è preceduta da un test Covid. Aumenta la quota di donne
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile