laRegione
14.01.22 - 16:36

Vaccini: effetti indesiderati, non serio il 62,7% dei casi

Secondo Swissmedic i casi totali di sospette reazioni avverse sono 11’467 su un totale di 14,5 milioni di dosi

Ats, a cura de laRegione
vaccini-effetti-indesiderati-non-serio-il-62-7-dei-casi
Swissmedic.ch

Oltre sei notifiche su dieci di sospette reazioni avverse al vaccino del coronavirus sono state classificate come non serie. Lo indica Swissmedic nel suo ultimo aggiornamento sui potenziali casi di effetti indesiderati dell’iniezione, in cui precisa inoltre che il totale di cui si è a conoscenza ha raggiunto quota 11’467 (su 14,5 milioni di dosi somministrate).

Di tutte queste notifiche, in cui sono incluse quelle pervenute entro il 12 gennaio, 7’190 (ossia il 62,7 per cento) sono state ritenute non serie. I casi gravi sono dunque il 37,3 per cento (4’276). Circa la metà sono state inoltrate da operatori sanitari, le restanti direttamente dalle persone colpite o dai pazienti, scrive l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici in un comunicato odierno.

Le persone colpite hanno in media 52 anni: di queste il 12,9 per cento è un over 75. Nei casi classificati come seri, l’età media è di 54,3 anni, mentre in quelli notificati in relazione temporale a decessi era di 79,6.

In 192 occasioni infatti, delle persone sono decedute a differenti intervalli di tempo dalla vaccinazione. Nonostante questa associazione, in nessun caso vi sono indizi concreti che la morte sia stata causata proprio dall’iniezione, sottolinea Swissmedic.

Le comunicazioni riguardo effetti indesiderati riguardano soprattutto le donne. Per quel che concerne i diversi produttori, il 68 per cento delle notifiche si riferiscono al vaccino di Moderna, impiegato nel 63 per cento delle dosi somministrate in Svizzera. Il 29,3 per cento è da ricollegare invece a quello di Pfizer/BioNTech, usato nel 36 per cento delle dosi.

Swissmedic ribadisce infine una volta di più come le possibili reazioni avverse finora ricevute e analizzate non incidano sul profilo rischi-benefici. Per i vaccini utilizzati in Svizzera questo rimane infatti positivo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’
Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
3 ore
‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’
Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
Svizzera
3 ore
Nelle farmacie basilesi arriva la cannabis legale
Dopo un rinvio di cinque mesi, scatta ufficialmente il progetto pilota. Circa 370 le persone che partecipano a questo studio
Svizzera
3 ore
Penultima chiamata per i ritardatari della vignetta
È tempo di sostituire quella scaduta: per i trasgressori (e chi si dimentica di farlo), 200 franchi di multa. A breve la versione elettronica
Svizzera
3 ore
Lunga vita agli Sms: ‘Non faranno la fine degli Mms’
Dopo la decisione di pensionare i messaggi multimediali, il presidente della direzione di Salt rassicura: ‘Per quelli testuali l’importanza è crescente’
la guerra in ucraina
13 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
20 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
21 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
22 ore
Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo
L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
23 ore
Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’
In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
© Regiopress, All rights reserved