laRegione
effetti-indesiderati-537-casi-seri-su-2-1-milioni-di-vaccini
Le notifiche riguardano in gran parte le donne (Ti-Press)
22.04.21 - 17:470

Effetti indesiderati: 537 casi seri su 2,1 milioni di vaccini

Sono in tutto 1'485 le notifiche di casi sospetti, la maggior parte di queste sono state classificate come 'non serie'

Su oltre 2,1 milioni di dosi di vaccino inoculate sono 1485 le notifiche di casi sospetti di effetti indesiderati dei due preparati anti-Covid approvati in Svizzera. La maggior parte di queste - 948 su 1485 - sono state classificate come "non serie", indica oggi in una nota Swissmedic, l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici. Le notifiche di casi seri sono invece 537.

In questi casi, spiega Swissmedic, le persone sono state trattate in ospedale o le reazioni sono state considerate clinicamente significative per altri motivi. Nella maggior parte dei casi le persone colpite non hanno però corso alcun pericolo, assicura l'Istituto, ribadendo ulteriormente come "le notifiche di effetti indesiderati finora ricevute e analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei vaccini utilizzati in Svizzera".

Attualmente, del totale di dosi somministrate, solo nello 0,07% dei casi sono state segnalate notifiche di casi sospetti. Una quota che scende a poco più dello 0,02% per i casi più seri. Tuttavia, spiega Swissmedic, il tasso di notifica approssimativo doverebbe essere pari a una ogni 1000 dosi iniettate. Questo poiché le notifiche degli effetti indesiderati vengono trasmesse spesso con ritardo e la valutazione accurata delle notifiche richiede tempo.

Moderna e Pfizer

Delle 1485 notifiche, 706 si riferiscono al preparato di Pfizer/BioNTech e 761 a quello di Moderna. In 18 casi non viene invece specificato il vaccino.

Per quanto riguarda Moderna, le notifiche di reazioni locali nella sede di iniezione - incluse le reazioni ritardate - rappresentano una percentuale significativamente maggiore rispetto a quelle di Pfizer. Per quanto concerne quest'ultimo, precisa Swissmedic, sono state inoltrate piuttosto notifiche di reazioni generali.

Una singola notifica può anche riportare più di una reazione: la più comune in assoluto è la febbre, seguita da dispnea (difficoltà a respirare), cefalea ed emicrania, herpes zoster (causato dalla riattivazione del virus della varicella zoster), brividi di freddo, ipersensibilità e reazioni anafilattiche, vomito, dolori muscolari, malessere e aumento della pressione sanguigna.

Fascia d'età e sesso

Le notifiche riguardano in gran parte le donne (67,9%), il 28,7% gli uomini e in alcune notifiche (3,4%) non è stato indicato il genere.

Le persone colpite da effetti indesiderati avevano in media 64,8 anni e circa 41,6% di essi aveva un'età pari o superiore ai 75 anni. Nei casi classificati come seri - 537 in totale - l'età media è salita a 68,5 anni.

In 64 casi seri le persone sono decedute a differenti intervalli di tempo dalla vaccinazione. Le persone decedute avevano in media 82 anni e nella maggior parte dei casi gravi patologie pregresse, sottolinea Swissmedic. Inoltre, viene spiegato, nonostante un'associazione temporale con la vaccinazione, non vi sono in nessun caso indizi concreti che la causa del decesso sia stata la vaccinazione.

Questi casi sono stati analizzati con particolare attenzione, tiene a precisare l'Istituto. In base all'attuale stato delle conoscenze, a provocare il decesso sono state malattie che si manifestano a prescindere dalle vaccinazioni come infezioni, eventi cardiovascolari o malattie polmonari e respiratorie.

Le notifiche sono state esaminate da Swissmedic in collaborazione con i centri regionali di farmacovigilanza, in particolare con il centro di riferimento ticinese presso l'Ente ospedaliero cantonale (EOC). Secondo le informazioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), sono state somministrate in Svizzera oltre 2,1 milioni di dosi di vaccino e quasi 769'000 persone sono state completamente vaccinate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 min
Coronavirus, infezioni ad alto livello, ma stabili
Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Incidenza particolarmente elevata nella regione del Lemano
Svizzera
1 ora
Coronavirus, in 24 ore 29’142 nuovi casi in Svizzera
Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
4 ore
Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta
Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
4 ore
Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein
A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
4 ore
Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas
Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
5 ore
Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti
Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
5 ore
Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato
La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
Svizzera
21 ore
I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio
Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza
Svizzera
21 ore
Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon
Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
Svizzera
1 gior
In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi
Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile