laRegione
09.01.22 - 12:46
Aggiornamento: 16:02

Centri test Covid privati non a norma, costretti a chiudere

Tra le motivazioni menzionate da un’inchiesta della SonntagsZeitung figurano la mancanza di misure igieniche e la presenza di personale non qualificato

Ats, a cura de laRegione
centri-test-covid-privati-non-a-norma-costretti-a-chiudere
Ti-Press

Due anni di pandemia e la variante Omicron che infuria più che mai hanno portato laboratori medici e farmacie al limite delle loro capacità: in molti cantoni sono quindi spuntati come funghi centri privati, dove è possibile eseguire sia test antigenici rapidi che test molecolari Pcr. Ma igiene, qualità e professionalità non sono sempre garantite e molti cantoni hanno disposto la chiusura di diverse strutture. È quanto emerge da un’inchiesta pubblicata oggi dal settimanale svizzerotedesco SonntagsZeitung.

Il cantone di Argovia è quello ad aver avuto finora la mano più ferma, avendo ritirato la licenza di esercizio a dodici fornitori che eseguivano test in alternativa a quelli proposti da farmacie, studi medici e ospedali. Stando al domenicale, chiusure hanno avuto luogo anche nei cantoni di Svitto, Zurigo, Lucerna, San Gallo, Turgovia, Sciaffusa e Grigioni.

Tra le motivazioni principali menzionate dalla SonntagsZeitung figurano la mancanza di misure igieniche e di sicurezza – personale senza guanti e mascherine, mancanza di separazione tra le varie postazioni di test, assenza di disinfettante – e personale non qualificato – test eseguiti in maniera approssimativa, goffaggine nel maneggiare gli strumenti. A Basilea, ad esempio, un centro di test era situato all’interno di un negozio di scarpe e chiavi.

Quello dei test per rilevare un contagio da coronavirus è diventato un business enorme. Attualmente le farmacie in Svizzera che offrono questo servizio – sia test antigenici che Pcr – sono 460, a cui si aggiungono numerosi studi medici e ospedali.

Tra luglio 2020 e giugno 2021, alla Confederazione sono state fatturate prestazioni per 776 milioni di franchi, precisa il domenicale, che cita l’Ufficio federale della sanità pubblica. Solo nella settimana dal 27 dicembre al 2 gennaio, in tutta la Svizzera sono stati eseguiti 312’162 test Pcr e 96’364 test rapidi.

I centri che svolgono questo compito incassano quindi enormi quantità di denaro: ricevono 36 franchi per ogni test antigenico, pari a un fatturato di quasi 3,5 milioni di franchi alla settimana. I test molecolari Pcr sono meno redditizi perché richiedono un maggiore lavoro e l’importo pagato è inferiore, a seconda del laboratorio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
3 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
20 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
21 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
23 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
2 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
© Regiopress, All rights reserved