laRegione
centri-test-covid-privati-non-a-norma-costretti-a-chiudere
Ti-Press
09.01.22 - 12:46
Aggiornamento : 16:02

Centri test Covid privati non a norma, costretti a chiudere

Tra le motivazioni menzionate da un’inchiesta della SonntagsZeitung figurano la mancanza di misure igieniche e la presenza di personale non qualificato

Ats, a cura de laRegione

Due anni di pandemia e la variante Omicron che infuria più che mai hanno portato laboratori medici e farmacie al limite delle loro capacità: in molti cantoni sono quindi spuntati come funghi centri privati, dove è possibile eseguire sia test antigenici rapidi che test molecolari Pcr. Ma igiene, qualità e professionalità non sono sempre garantite e molti cantoni hanno disposto la chiusura di diverse strutture. È quanto emerge da un’inchiesta pubblicata oggi dal settimanale svizzerotedesco SonntagsZeitung.

Il cantone di Argovia è quello ad aver avuto finora la mano più ferma, avendo ritirato la licenza di esercizio a dodici fornitori che eseguivano test in alternativa a quelli proposti da farmacie, studi medici e ospedali. Stando al domenicale, chiusure hanno avuto luogo anche nei cantoni di Svitto, Zurigo, Lucerna, San Gallo, Turgovia, Sciaffusa e Grigioni.

Tra le motivazioni principali menzionate dalla SonntagsZeitung figurano la mancanza di misure igieniche e di sicurezza – personale senza guanti e mascherine, mancanza di separazione tra le varie postazioni di test, assenza di disinfettante – e personale non qualificato – test eseguiti in maniera approssimativa, goffaggine nel maneggiare gli strumenti. A Basilea, ad esempio, un centro di test era situato all’interno di un negozio di scarpe e chiavi.

Quello dei test per rilevare un contagio da coronavirus è diventato un business enorme. Attualmente le farmacie in Svizzera che offrono questo servizio – sia test antigenici che Pcr – sono 460, a cui si aggiungono numerosi studi medici e ospedali.

Tra luglio 2020 e giugno 2021, alla Confederazione sono state fatturate prestazioni per 776 milioni di franchi, precisa il domenicale, che cita l’Ufficio federale della sanità pubblica. Solo nella settimana dal 27 dicembre al 2 gennaio, in tutta la Svizzera sono stati eseguiti 312’162 test Pcr e 96’364 test rapidi.

I centri che svolgono questo compito incassano quindi enormi quantità di denaro: ricevono 36 franchi per ogni test antigenico, pari a un fatturato di quasi 3,5 milioni di franchi alla settimana. I test molecolari Pcr sono meno redditizi perché richiedono un maggiore lavoro e l’importo pagato è inferiore, a seconda del laboratorio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centri covid misure pcr sonntagszeitung test
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini
Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
5 ore
Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento
Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
5 ore
Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos
A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
5 ore
Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera
Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
Svizzera
6 ore
Covid, ecco la quarta dose di vaccino per persone a rischio
Secondo richiamo raccomandato per le persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, ma solo dopo la valutazione di uno specialista
Svizzera
6 ore
Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima
Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
7 ore
La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere
Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
8 ore
Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato
Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
Svizzera
10 ore
Ai nastri di partenza la stagione delle fragole in Svizzera
Nelle prossime tre settimane ne saranno raccolte in Svizzera oltre 1’000 tonnellate, sufficienti per approvvigionare completamente il mercato
Svizzera
11 ore
Autorizzato l’abbattimento di una lince nell’Oberland bernese
Il felino, identificato dalle trappole fotografiche e dal tipo di ferite, in 12 mesi ha ucciso 15 animali da reddito nonostante le misure di protezione
© Regiopress, All rights reserved