laRegione
10.01.22 - 10:29
Aggiornamento: 15:39

Controlli in una ventina di centri test Covid in Ticino

Oltre Gottardo diverse strutture hanno dovuto chiudere. Il farmacista cantonale Zanini: ‘Facciamo interventi su segnalazione, abbiamo imposto correttivi‘

controlli-in-una-ventina-di-centri-test-covid-in-ticino
Keystone

Oltre a Omicron c’è un nuovo grattacapo, almeno oltre Gottardo: i centri test Covid privati spuntati come funghi, dove fare sia test antigenici rapidi sia test molecolari Pcr; alcuni non a norma sono stati costretti a chiudere. In alcuni cantoni a non essere sempre garantiti sono igiene, qualità e professionalità: personale non qualificato o senza guanti e mascherine, mancanza di separazione tra le varie postazioni di test, assenza di disinfettante, test eseguiti in modo approssimativo. Di conseguenza molti cantoni hanno disposto la chiusura di diverse strutture, come scrive la SonntagsZeitung. A Basilea, ad esempio, un centro di test era situato all’interno di un negozio di scarpe e chiavi.

In Ticino, spiega alla Regione il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini, è stata effettuata una ventina di interventi su segnalazione nei centri test Covid: «Abbiamo imposto dei correttivi, ma nessuno ha dovuto chiudere». Nel nostro cantone i circa 250 centri per i test sono tutti sotto la responsabilità di un operatore sanitario (medico, farmacista o tecnico di laboratorio) che deve annunciarsi all’Ufficio del farmacista cantonale e rispettare una serie di requisiti (dalla struttura al personale formato fino a un adeguato piano di protezione). «Fare il test non deve diventare un’occasione per contagiarsi o contagiare altri», precisa Zanini. «In questo senso qualche intervento l’abbiamo fatto e abbiamo imposto correttivi. Ci sono situazioni logistiche che in tempi normali faticheremmo ad accettare. Vista la situazione abbiamo abbassato i requisiti pur rispettando criteri di qualità per poter avere una capacità di test adeguata». Dal drive in al locale magazzino di una farmacia, fino al gazebo fuori dalla discoteca... «Arriva qualche segnalazione, dalle perplessità sull’igiene ai dubbi su locali non proprio ortodossi e noi verifichiamo», conclude Zanini. Ma proprio la responsabilizzazione degli operatori sanitari è una garanzia che pare escludere abusi come quelli riscontrati in altri Cantoni.
Quello dei test, d’altronde, è un business enorme. Tra luglio 2020 e giugno 2021, alla Confederazione sono state fatturate prestazioni per 776 milioni di franchi. Solo nella settimana dal 27 dicembre al 2 gennaio, in tutta la Svizzera sono stati eseguiti 312’162 test Pcr e 96’364 test rapidi. I centri che svolgono questo compito ricevono 36 franchi per ogni test antigenico, un fatturato di quasi 3,5 milioni di franchi la settimana. Intanto, l’Ufficio federale della sanità sta esaminando nuove regole per i test, la nuova strategia potrebbe essere quella di abolire i test Pcr di controllo in caso di esito positivo a un tampone rapido antigenico. Così da diminuire la pressione sui laboratori.

Omicron frena il lavoro

Un altro problema è dato dal numero di persone che oggi non potranno recarsi al lavoro perché positive al coronavirus o in quarantena: in Ticino «nella popolazione generale contiamo a oggi circa 14mila positivi e altre 10mila persone in quarantena», ci dice Ryan Pedevilla, capo della sezione del militare e della protezione civile. «Questo significa che possiamo stimare tra le 12 e le 14mila persone in età lavorativa costrette a restare a casa. Va però considerato che si tratta anche di persone senza attività lavorativa, casalinghe e studenti. Diciamo che potrebbe mancare all’incirca il 5% della forza lavoro, naturalmente però non in maniera omogenea: il problema si pone soprattutto in presenza di focolai».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
18 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
22 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
22 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
22 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved