laRegione
06.01.22 - 17:13

La gente è più propensa a credere alle affermazioni negative

La ricerca dell’Università di Basilea in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica “Social Cognition”.

Ats, a cura de laRegione
la-gente-e-piu-propensa-a-credere-alle-affermazioni-negative
C’è chi dice no e c’è chi gli crede (Creative Commons)

Le affermazioni negative hanno più probabilità di essere considerate veritiere di quelle positive, in particolar modo quando contengono esplicitamente una negazione. Lo sottolineano ricercatori dell’Università di Basilea in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica “Social Cognition”.

Le persone sono dunque più propense a classificare come vere le informazioni formulate con un’accezione negativa piuttosto che positiva, anche se il contenuto è in fin dei conti identico. Tale fenomeno è stato riassunto dallo psicologo cognitivo Benjamin Hilbig cambiando il detto “triste, ma vero", in "triste, quindi vero”.

Rainer Greifeneder, professore di psicologia sociale all’ateneo renano, e la sua collega Mariela Jaffé hanno affrontato questo argomento per capire come, in tempi di fake news, si formino le percezioni delle verità. Grazie a un esperimento online condotto fra partecipanti di lingua tedesca, sono stati in grado di dimostrare che effettivamente le affermazioni negative hanno più chance di essere credute, si legge in un comunicato dell’università.

Ad esempio, la frase “il 61% delle donne tedesche non è soddisfatto del proprio aspetto”, è più probabile che sia considerata vera rispetto alla frase “il 39% delle donne tedesche è soddisfatto del proprio aspetto”. Inoltre, le negazioni si sono rivelate una forza trainante molto forte: “Non soddisfatto” ha più impatto di “insoddisfatto”.

Gli esperti suggeriscono un paio di chiavi di lettura per spiegare perché ciò avviene. In primis, una dichiarazione negativa allarga la gamma di stati possibili e questo la rende in apparenza maggiormente plausibile. In poche parole: ci sono più modi in cui una persona può essere insoddisfatta rispetto ai modi in cui può essere soddisfatta.

In secondo luogo, le affermazioni negative lasciano più spazio all’interpretazione. A volte quindi, “piuttosto” o “poco soddisfatto” può essere assegnato alla categoria “insoddisfatto”.

A livello generale, i ricercatori sono invece ancora perplessi riguardo all’origine di tale meccanismo. Essa potrebbe però risiedere nell’evoluzione: quando c’è un segnale d’allarme è meglio scappare una volta di troppo che una volta di meno.

Secondo Jaffé, citata nella nota, potrebbe anche essere che “siamo abituati ai messaggi negativi, mentre quelli positivi sono più rapidamente sospettati di essere manipolati”. Secondo i due autori dello studio sarebbe ora interessante indagare e scoprire se i risultati ottenuti possono essere generalizzati per diverse lingue.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
15 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
16 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
16 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
17 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
18 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
19 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
20 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
21 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
21 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
© Regiopress, All rights reserved