laRegione
la-pornografia-fa-male-agli-uomini-ma-bene-alle-donne
Depositphotos
09.02.22 - 18:27
Aggiornamento: 19:13

‘La pornografia fa male agli uomini ma bene alle donne’

I contenuti farebbero sentire sessualmente incompetenti le persone di sesso maschile. È il risultato di uno studio dei ricercatori di Losanna e Ginevra

Ats, a cura de laRegione

Più gli uomini consumano pornografia, più le loro prestazioni sessuali e la soddisfazione della loro partner diminuiscono. Per le donne, la tendenza è opposta, secondo uno studio dei ricercatori di Losanna e Ginevra.

Anche se la pornografia è un’industria gestita principalmente da e per gli uomini, sembra paradossalmente avere un effetto nocivo sulla sessualità maschile ma un effetto benefico su quella femminile. È per lo meno ciò che indica uno studio non rappresentativo condotto da Nicolas Sommet, del Centro Lives dell’Università di Losanna, e Jacques Berent, dell’Università di Ginevra.

L’indagine, pubblicata sulla rivista Psychological Medicine, è stata condotta in tre anni su circa 100mila intervistati e 4mila coppie eterosessuali di lingua francese reclutate con il sostegno di un influente ‘youtubeur’ in Francia. I ricercatori hanno distribuito un questionario per valutare tre indicatori: la percezione delle proprie capacità sessuali, il livello di funzionamento sessuale e la soddisfazione sessuale riferita dal partner.

È risultato che più gli uomini guardano la pornografia, più si sentono sessualmente incompetenti, più problemi sessuali riferiscono di avere e più le loro partner dicono di essere insoddisfatte. Al contrario, un consumo consistente da parte delle donne porta a una sensazione di maggiore competenza sessuale, meno problemi sessuali e un partner più soddisfatto sotto certi aspetti, come la qualità dello scambio.

Le precedenti ricerche in questo ambito si sono basate su piccoli campioni. Per questo studio, i ricercatori hanno collaborato con lo youtuber francese Mathieu Sommet. Anche se i risultati non sono rappresentativi della popolazione, questo metodo di reclutamento ha permesso di rivolgersi a intervistati iperconnessi in un’età cruciale del loro sviluppo sessuale. L’età media è infatti di circa 21-22 anni.

“Benché i risultati siano statisticamente chiari, la forza degli effetti rimane relativamente modesta, il che ci dice che la pornografia non può essere vista come la fonte di tutti i mali – per gli uomini – o come una panacea per le donne”, sottolinea Nicolas Sommet in un comunicato stampa del Lives, il centro svizzero di competenza nella ricerca sul percorso di vita e le vulnerabilità, con sede presso le università di Losanna e Ginevra.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
pornografia studio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Video
Musica
5 ore
Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent
Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito.
Culture
9 ore
Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini
Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Arte
23 ore
L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida
Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior
Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore
Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
1 gior
Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco
‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
2 gior
Transiti, nove e dieci
Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
2 gior
Il Monte Generoso di Catania
Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
2 gior
Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller
Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Società
2 gior
Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’
Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
3 gior
Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate
Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
© Regiopress, All rights reserved