laRegione
06.01.22 - 14:27

Quattro città svizzere contro l’obbligo del casco per i giovani

Per Basilea, Berna, Winterthur e Zurigo è più opportuno puntare a migliori infrastrutture per le bici, considerate ‘un mezzo di trasporto non complicato’

Ats, a cura de laRegione
quattro-citta-svizzere-contro-l-obbligo-del-casco-per-i-giovani
Keystone

Le città di Basilea, Berna, Winterthur e Zurigo non vogliono rendere obbligatorio il casco per i giovani dai 12 ai 16 anni che vanno in bicicletta. Chiedono invece una migliore infrastruttura per le biciclette.

La competente commissione del Consiglio nazionale inizierà il prossimo 10 gennaio a esaminare la proposta del Consiglio federale, che nell’ambito della revisione della legge sulla circolazione stradale propone l’obbligo del casco per gli adolescenti in bici.

I motivi addotti dal governo sono legati al fatto che sempre più giovani ciclisti hanno incidenti gravi. Le quattro città della Svizzera tedesca però non ci stanno: la bicicletta è un “mezzo di trasporto non complicato”, scrivono oggi in una nota congiunta.

Con l’introduzione del casco obbligatorio, questo vantaggio andrebbe perso. E c’è quindi da temere che soprattutto i giovani, già restii ad andare in bicicletta, lo facciano ancora di meno.

Piuttosto che introdurre un obbligo generale di indossare il casco, le quattro città propongono di concentrare l’attenzione sullo sviluppo di un’infrastruttura ciclistica sicura e attraente. A loro avviso bisogna prima di tutto eliminare i punti pericolosi e le piste ciclabili devono essere rese attrattive e sicure per tutte le fasce d’età.

Questo effetto – si legge nella nota – è stato provato scientificamente e può essere osservato nelle città del Nord Europa, dove i caschi per andare in bicicletta sono poco diffusi. Solo i Paesi dove le bici sono poco utilizzate hanno introdotto l’obbligo del casco, ma la sicurezza dei ciclisti non è stata migliorata.

Anche l’Unione delle città svizzere si è espressa contro l’obbligo del casco per gli adolescenti in bicicletta. Le città di Basilea, Berna, Winterthur e Zurigo ribadiscono ora questa posizione, ma sostengono espressamente l’uso volontario del casco. Non c’è dubbio infatti che indossare il casco in bicicletta protegga e aumenti la sicurezza individuale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
15 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
15 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
16 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
17 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
18 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
19 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
19 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
21 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
21 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
© Regiopress, All rights reserved