laRegione
27.12.21 - 21:05

L’orologeria svizzera si è ripresa meglio del previsto

Dopo un 2020 caratterizzato dal calo delle esportazioni di un quarto rispetto all’anno precedente

l-orologeria-svizzera-si-e-ripresa-meglio-del-previsto
L’ora peggiore sembra passata (Keystone)

L’industria orologiera svizzera si è ripresa meglio del previsto quest’anno, dopo un 2020 caratterizzato dal calo delle esportazioni di un quarto rispetto all’anno precedente a causa della pandemia. Ma non tutte le aziende sono messe allo stesso modo, avverte il presidente della Federazione orologiera (FH) Jean-Daniel Pasche.

“Non ci aspettavamo un ritorno ai livelli del 2019 già quest’anno”, ha affermato in un colloquio con l’agenzia Keystone-Ats. A “tirare la barca” sono gli Stati Uniti e la Cina, ripartita già nel 2020.

L’Impero di Mezzo contende perfino il posto di primo paese di sbocco agli Stati Uniti, che a loro volta l’hanno strappato a Hong Kong alcuni anni fa. Anche se sulla via della ripresa, i grandi mercati europei (Regno Unito, Germania, Francia e Italia) sono ancora confrontati a un’evoluzione negativa su base biennale. Paesi Bassi, Russia e Australia si rivelano invece mercati dinamici.

Anche se gli effetti di base giocano un ruolo importante, Pasche si mostra soddisfatto. “La ripresa dimostra la resilienza del ramo e la sua capacità di ripartire”. Ma attenzione: “non tutte le imprese vivono la stessa realtà”, sottolinea il presidente di FH. In particolare vi è una polarizzazione tra l’alta gamma, che va bene, e l’entrata di gamma - ossia gli orologi con un prezzo inferiore ai 300 franchi - che non è ancora tornata ai livelli pre-crisi.

In ogni caso il valore delle esportazioni si mantiene bene: quest’anno dovrebbe avvicinarsi al record di 22,2 miliardi di franchi del 2014. Dopo undici mesi esso si attestava a 20,4 miliardi (+33,4% rispetto al 2020 e +2,1% rispetto al 2019), ma bisogna tenere in conto che dicembre è tradizionalmente più debole di novembre, con le ultime ordinazioni che entrano in tale mese.

Grazie alla ripresa delle esportazioni e al lavoro ridotto gli effettivi sono rimasti praticamente stabili a 57’491 (-0,1%) tra fine settembre 2020 e fine settembre 2021.

Per quanto concerne l’anno alle porte, “partiamo da una base positiva, ma con incertezze”, afferma Pasche riferendosi sia al Covid-19 che a fattori geopolitici quali le tensioni tra Usa e Cina, Russia e Ucraina e anche in Medio Oriente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
6 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
7 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
7 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
8 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
10 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
Svizzera
10 ore
Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti
È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
Svizzera
11 ore
Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’
A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
12 ore
Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa
A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
12 ore
Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata
Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
© Regiopress, All rights reserved