laRegione
ottobre-mese-con-poco-slancio-per-il-commercio-estero
Keystone
18.11.21 - 09:12
Aggiornamento: 15:48
Ats, a cura de laRegione

Ottobre mese con poco ‘slancio’ per il commercio estero

Rispetto a settembre le esportazioni sono scese dell’1,4% a 20,8 miliardi di franchi, mentre le importazioni hanno subito un calo del 2,3% a16,4 miliardi

Il commercio estero svizzero ha perso leggermente slancio in ottobre, sulla scia del minore dinamismo del comparto chimico-farmaceutico: rispetto a settembre le esportazioni sono scese dell’1,4% a 20,8 miliardi di franchi, mentre le importazioni hanno subito un calo del 2,3% a 16,4 miliardi.

Il decimo mese dell’anno si chiude così con un’eccedenza di 4,4 miliardi, vicina a quella record di 4,5 miliardi che risale ad agosto, emerge dai dati pubblicati oggi dall’Amministrazione federale delle dogane (AFD).

Le variazioni indicate sono nominali: in termini reali (cioè corrette dell’effetto dei prezzi) si sono attestate rispettivamente a -1,5% (export) e -4,4% (import). Le esportazioni arretrano dopo aver subito un ristagno in settembre: rimangono comunque su una tendenza positiva, per quanto rallentata, commentano gli specialisti dell’AFD.

Nel confronto con settembre i vari settori dell’export hanno mostrato andamenti assai differenti. Quello di gran lunga più importante, la chimica-farmaceutica, segna (a livello nominale) -2,8 (a 10,9 miliardi di franchi); seguono le macchine e l’elettronica, sostanzialmente rimaste stabili (+0,7% a 2,6 miliardi), avanza l’orologeria (+2,2% a 1,9 miliardi), arretrano gli strumenti di precisione (-2,4% a 1,4 miliardi) e marciano quasi sul posto i metalli (+0,6% a 1,2 miliardi).

A livello geografico, il continente più importante per i prodotti con il marchio della balestra rimane l’Europa (+3,3% a 12,5 miliardi), che ha sofferto poco per lo scarso dinamismo mostrato dal principale paese di sbocco dell’export, la Germania (-0,3% a 3,5 miliardi). In forte calo è invece il Nordamerica (-10,1% a 3,8 miliardi), mentre stabile è l’Asia (+0,4% a 4,4 miliardi), dove va rilevata la cattiva performance della Cina (-3,4% a 1,3 miliardi).

Anche sul fronte delle importazioni il settore più importante è quello chimico-farmaceutico (-11,4% a 4,3 miliardi), seguito da macchine ed elettronica (+0,1% a 2,7 miliardi), veicoli (-9,4% a 1,4 miliardi), metalli (+0,2% a 1,4 miliardi), tessili e abbigliamento (+5,7% a 1,1 miliardi), nonché derrate alimentari (-2,0% a 1,0 miliardi). Riguardo alle regioni, il calo maggiore viene osservato in Europa (-4,4% a 11,3 miliardi); debole è anche l’Asia (-0,7% a 3,4 miliardi), mentre il Nordamerica (+9,9% a 1,2 miliardi) mette a referto un incremento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commercio estero esportazioni importazioni ottobre
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 ore
Mobilezone migliora i risultati nel primo semestre
Risultati globalmente in rialzo nella prima parte dell’anno: tra gennaio e fine giugno, il gruppo ha realizzato un fatturato di 499,6 milioni
Economia
3 gior
Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse
Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
3 gior
Cambio franco-euro, battuto un nuovo record
Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
4 gior
Produzione e import, prezzi in calo in luglio
Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
1 sett
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
2 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
2 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
© Regiopress, All rights reserved