laRegione
29.10.21 - 09:35

Lotta alla mafia, la direttrice di Fedpol chiede più misure

Attualmente i cantoni non hanno la possibilità di scambiarsi i dati di polizia. Serve aumentare anche la conoscenza del fenomeno mafioso

lotta-alla-mafia-la-direttrice-di-fedpol-chiede-piu-misure
Nicoletta Della Valle, direttrice di FedPol (Keystone)

Per combattere più efficacemente la mafia, la Svizzera deve rafforzare lo scambio di informazioni tra i cantoni e la Confederazione, secondo Nicoletta della Valle, direttrice dell’Ufficio federale di polizia. Anche la conoscenza della mafia deve essere aumentata.

I cantoni non sono attualmente in grado di scambiarsi dati di polizia, ha detto della Valle in un’intervista ai giornali CH Media. Una mozione di Corinne Eichenberger (PLR/AG) ha incaricato il Consiglio federale di rimediare a questa situazione, assicurando che tali dati siano messi in rete a livello nazionale.

Il governo federale e i cantoni stanno attualmente creando le basi giuridiche necessarie e la direttrice di Fedpol spera che siano in funzione entro il 2025. Attualmente, lo scambio di dati è quasi più efficiente tra la Svizzera e le autorità europee che con i cantoni, ha commentato.

Problemi poco noti

Le misure antimafia in Svizzera si basano su tre pilastri: repressione, cooperazione e prevenzione. La Confederazione collabora sempre più intensamente con l’Italia, ma non è ancora abbastanza efficace nel campo della prevenzione.

I problemi legati alla presenza della mafia sono ancora poco conosciuti. Se non si intensifica la lotta l’economia svizzera rischia di essere infiltrata. Ad esempio, le imprese mafiose potrebbero insinuarsi sempre più nella costruzione di strade nazionali, ha detto Nicoletta della Valle.

Mafia sotto pressione in Italia

Peggio ancora: potrebbero essere infiltrate anche autorità. Un altro pericolo è costituito dal riciclaggio di denaro e la Svizzera rischia di essere nuovamente inserita nelle liste nere. Ma il pericolo maggiore è che la Confederazione diventi una base per la mafia, un’ipotesi realistica secondo le autorità italiane.

La mafia è sotto pressione in Italia, e se la Svizzera non agisce, l’organizzazione potrebbe insediarsi sempre più sul territorio, tanto più che offre una buona infrastruttura, un mix di lingue e una comunità italiana presente da molto tempo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
9 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
11 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
13 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
13 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
14 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
15 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
16 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
16 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved