laRegione
lotta-alla-mafia-la-direttrice-di-fedpol-chiede-piu-misure
Nicoletta Della Valle, direttrice di FedPol (Keystone)
29.10.21 - 09:35

Lotta alla mafia, la direttrice di Fedpol chiede più misure

Attualmente i cantoni non hanno la possibilità di scambiarsi i dati di polizia. Serve aumentare anche la conoscenza del fenomeno mafioso

Per combattere più efficacemente la mafia, la Svizzera deve rafforzare lo scambio di informazioni tra i cantoni e la Confederazione, secondo Nicoletta della Valle, direttrice dell’Ufficio federale di polizia. Anche la conoscenza della mafia deve essere aumentata.

I cantoni non sono attualmente in grado di scambiarsi dati di polizia, ha detto della Valle in un’intervista ai giornali CH Media. Una mozione di Corinne Eichenberger (PLR/AG) ha incaricato il Consiglio federale di rimediare a questa situazione, assicurando che tali dati siano messi in rete a livello nazionale.

Il governo federale e i cantoni stanno attualmente creando le basi giuridiche necessarie e la direttrice di Fedpol spera che siano in funzione entro il 2025. Attualmente, lo scambio di dati è quasi più efficiente tra la Svizzera e le autorità europee che con i cantoni, ha commentato.

Problemi poco noti

Le misure antimafia in Svizzera si basano su tre pilastri: repressione, cooperazione e prevenzione. La Confederazione collabora sempre più intensamente con l’Italia, ma non è ancora abbastanza efficace nel campo della prevenzione.

I problemi legati alla presenza della mafia sono ancora poco conosciuti. Se non si intensifica la lotta l’economia svizzera rischia di essere infiltrata. Ad esempio, le imprese mafiose potrebbero insinuarsi sempre più nella costruzione di strade nazionali, ha detto Nicoletta della Valle.

Mafia sotto pressione in Italia

Peggio ancora: potrebbero essere infiltrate anche autorità. Un altro pericolo è costituito dal riciclaggio di denaro e la Svizzera rischia di essere nuovamente inserita nelle liste nere. Ma il pericolo maggiore è che la Confederazione diventi una base per la mafia, un’ipotesi realistica secondo le autorità italiane.

La mafia è sotto pressione in Italia, e se la Svizzera non agisce, l’organizzazione potrebbe insediarsi sempre più sul territorio, tanto più che offre una buona infrastruttura, un mix di lingue e una comunità italiana presente da molto tempo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fedpol mafia nicoletta della valle svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
16 ore
Buon compleanno ferrovie svizzere: oggi sono 175 anni
Il 7 agosto 1847 la prima linea ferroviaria interamente su suolo svizzero fu aperta al traffico tra Zurigo e Baden. Le Ffs nacquero a inizio del XX secolo
Svizzera
17 ore
Batosta in vista sui premi di cassa malati nel 2023
Secondo uno studio di Accenture, per coprire l’aumento dei costi della salute, in Ticino si prevede un balzo in avanti di circa il 10%
Svizzera
17 ore
Con la procedura agevolata centinaia di domande di cambio sesso
Con la riforma entrata in vigore a inizio anno per il cambiamento di sesso nel registro di stato civile non è più necessario passare da un giudice
Svizzera
19 ore
Dopo i problemi iniziali, i bipiano Ffs ora molto affidabili
All’inizio i convogli Alstom-Bombardier, il più grande appalto di sempre delle Ffs, avevano problemi di accessibilità e tecnici, in gran parte risolti
Svizzera
19 ore
Il presidente di ElCom ribadisce: possibili blackout in inverno
Werner Luginbühl, che presiede la Commissione federale dell’energia elettrica, accusa i politici di non aver ‘preso sul serio’ gli avvertimenti
Svizzera
19 ore
Maillard (Uss): disordini sociopolitici senza aumento dei salari
Il presidente dell’Unione sindacale svizzera paventa conseguenze disastrose per il mercato del lavoro e i consumi senza aumenti salariali
Svizzera
21 ore
Energia, in Svizzera aiuti economici ‘né necessari né utili’
Secondo Eric Scheidegger, capo della Direzione politica economica della Segreteria di Stato dell’economia, la Confederazione è meno colpita dal problema
Svizzera
1 gior
Povertà, in Svizzera poca differenza tra campagna e città
Sono colpite principalmente donne, famiglie monoparentali e persone con un basso livello d’istruzione
Svizzera
1 gior
Barbabietola da zucchero, previsto raccolto superiore alla media
Ha beneficiato di una primavera calda e secca. La coltura potrebbe però ridursi se nelle prossime non ci sarà sufficiente pioggia.
Svizzera
1 gior
Caldo, alluvioni... ecco come funziona il sistema di allerta
Nel caso degli avvisi meteorologici non tutti i livelli di pericolosità sono definiti per ogni fenomeno.
© Regiopress, All rights reserved