laRegione
farmaci-contro-l-impotenza-importati-illegalmente-55-multe
Keystone
27.08.21 - 17:24
Aggiornamento : 21:10

Farmaci contro l'impotenza importati illegalmente, 55 multe 

I colpevoli, che hanno introdotto grosse quantità di uno o più di questi preparati, sono stati condannati in procedimenti penali amministrativi

Ats, a cura de laRegione

Da maggio a luglio, l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic ha inflitto multe tra i 1'000 e i 3'500 franchi a 55 persone che hanno importato illegalmente in Svizzera farmaci contro l'impotenza. La maggior parte sono stati ordinati su Internet.

Tali persone sono state condannate in procedimenti penali amministrativi, indica oggi Swissmedic. I medicinali contenevano principi attivi per il trattamento di disturbi all'erezione quali Vardenafil, Tadalafil, Modafinil o Sildenafil. Gli interessati hanno introdotto grosse quantità di uno o più di questi preparati. Undici di queste condanne non sono ancora passate in giudicato.

Gli stimolatori erettili costituiscono quasi il 90% dei medicinali importati illegalmente e sequestrati dalle dogane svizzere. Queste cifre sono relativamente stabili, ha dichiarato all'agenzia Keystone-Ats il portavoce di Swissmedic Lukas Jaggi. Nella stragrande maggioranza dei casi gli ordini vengono effettuati tramite internet.

Lo scorso anno, stando a Swissmedic, sono state intercettate circa 5'800 spedizioni illegali di medicamenti contro l'impotenza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
farmaci swissmedic
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’
Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
3 ore
Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente
Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
4 ore
C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi
È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
5 ore
Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo
L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
6 ore
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
7 ore
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
7 ore
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
8 ore
Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi
Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
13 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
© Regiopress, All rights reserved