laRegione
catena-della-solidarieta-7-6-milioni-per-il-libano
Keystone
Lo scenario dopo la violentissima esplosione nel porto di Beirut
03.08.21 - 09:01
Aggiornamento: 12:22

Catena della solidarietà: 7,6 milioni per il Libano

La colletta per progetti di aiuto alla popolazione dopo la violentissima esplosione del 4 agosto 2020 al porto di Beirut

La Catena della Solidarietà ha raccolto 7,6 milioni di franchi a favore delle persone toccate dalla violenta esplosione in Libano di un anno fa. Attualmente sono già stati utilizzati poco più di sei milioni.

In seguito all'esplosione nel porto di Beirut, cinque organizzazioni partner della Catena della Solidarietà hanno lanciato progetti di aiuto alla popolazione, ad esempio curando i feriti, effettuando riparazioni urgenti alle case gravemente danneggiate e distribuendo cibo, acqua e altri beni di prima necessità, indica un comunicato odierno.

In una seconda fase le organizzazioni si sono poi concentrate sulla ricostruzione di case e infrastrutture, sulla sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza. Nei prossimi mesi i fondi rimanenti saranno destinati "ad altri progetti che rispondono ai bisogni più urgenti della popolazione libanese e forniscono sostegno nei quartieri più colpiti dall'esplosione", spiega la Catena della Solidarietà, sottolineando che otto dei 16 progetti da loro cofinanziati sono stati portati a termine.

L'esplosione al porto di Beirut, avvenuta il 4 agosto 2020, ha ucciso 220 persone e ferito oltre 6'000 persone. La deflagrazione ha distrutto e rovinato le abitazioni di circa 300'000 libanesi.

A sostenere le persone colpite dalla tragedia c'è pure Caritas Svizzera, attiva in Libano dal 2012 nell'ambito dell'aiuto alle vittime della crisi siriana. In un comunicato, l'organizzazione spiega di aver avviato - in collaborazione con Caritas Libano - all'inizio di settembre 2020 un progetto di aiuto d'emergenza a medio termine che contribuisce tra le altre cose anche alla fase di ricostruzione.

Oltre 1400 famiglie, per un totale di più di 7000 persone, riceveranno inoltre versamenti in contanti per lavori di riparazione e contributi finanziari immediati, mentre oltre 450 persone beneficeranno di un'assistenza psicosociale, sottolinea Caritas Svizzera, che ribadisce come il Libano sia un Paese in crisi che necessita ancora di aiuti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
beirut catena solidarietà esplosione libano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 ora
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
3 ore
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
3 ore
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
Svizzera
5 ore
Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil
L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
5 ore
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
7 ore
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
7 ore
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
7 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
8 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
© Regiopress, All rights reserved