laRegione
con-le-misure-anti-covid-meno-casi-di-altre-malattie-infettive
(Keystone)
26.07.21 - 11:38
Aggiornamento: 16:18

Con le misure anti-Covid meno casi di altre malattie infettive

Diminuite del 20% le patologie con obbligo di notifica. Aumentato solo il numero di casi di meningoencefalite da zecche (+13%)

Le malattie infettive con obbligo di notifica sono diminuite del 20% lo scorso anno rispetto al 2019. Lo sottolinea l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel suo ultimo bollettino, pubblicato oggi. Il calo sarebbe legato alle misure di protezione sanitaria introdotte per contenere la pandemia di coronavirus e ai cambiamenti di comportamento della popolazione.

Complessivamente sono circa 65'000 le notifiche effettuate nel 2020. Le diminuzioni variano, in base alla patologia, dal 15% al 90%, rispetto ai valori degli anni fra il 2015 e il 2019. Solo il numero di casi di meningoencefalite da zecche è aumentato (+13%), probabilmente anche per il boom dell'escursionismo.

La chiusura dei centri di svago ha portato la popolazione a privilegiare le attività in campagna, ricorda l'UFSP. Indossare una mascherina, mantenere una distanza di sicurezza e limitare i viaggi, per citare solo alcune misure introdotte dalle autorità, hanno un effetto sugli agenti infettivi che si trasmettono da una persona all'altra attraverso goccioline d'acqua.

Oltre alle restrizioni, secondo l'UFSP hanno influito i cambiamenti di comportamento, ma forse anche la sottocopertura dei casi reali, poiché le persone malate non hanno voluto o potuto recarsi dal medico. L'UFSP non ha preso in considerazione malattie come l'influenza stagionale, la parotite, la pertosse e la borreliosi, poiché la loro notifica è volontaria. Ha invece selezionato 16 malattie infettive, suddividendole in quattro categorie.

Le quattro malattie respiratorie esaminate mostrano un chiaro calo del numero di casi segnalati. Si va dal -26% per la tubercolosi al -58% per l'infezione da pneumococco. In discesa anche i casi di legionellosi (-32%). Secondo l'UFSP, la chiusura dei centri di svago e il calo dei pernottamenti in hotel hanno portato a una minore esposizione agli impianti idrici che possono contenere i batteri della legionella.

Nel caso delle malattie che si trasmettono per via fecale-orale, il calo varia dal 24% per la campilobatteriosi all'82% per la shigellosi. Va notato che, nonostante il minor numero di casi, le infezioni da Escherichia coli enteroemorragico (EHEC, -51%), la salmonellosi (-27%) e la campilobatteriosi rimangono in linea con i mutamenti stagionali.

Tra le malattie trasmesse da vettori, anche la malaria e la febbre dengue sono fortemente diminuite, rispettivamente del 72% e del 90%. Visto che le persone hanno viaggiato meno a causa delle restrizioni, si sono registrate automaticamente meno infezioni di questo tipo, spiega l'UFSP.

Infine, si osservano diminuzioni anche delle malattie sessualmente trasmissibili, che vanno dal -15% per la clamidia al - 36% per la sifilide. La riduzione dei contatti personali può aver portato a una riduzione anche di quelli sessuali al di fuori delle relazioni fisse, in particolare con la chiusura dei bordelli decisa in molti cantoni, secondo l'UFSP. Si tratta tuttavia solo di un'ipotesi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus malattie infettive ufficio sanità pubblica ufsp
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso
La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
3 ore
Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%
Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
4 ore
Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali
Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
17 ore
Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica
La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
18 ore
‘L’addio ai Tiger è prematuro’
È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
19 ore
Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi
La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
21 ore
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
22 ore
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
22 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
22 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
© Regiopress, All rights reserved