laRegione
01.07.21 - 10:06
Aggiornamento: 16:39

Cannabis, due terzi degli svizzeri pro legalizzazione

La popolazione è favorevole, ma a patto che vi sia una severa regolamentazione, secondo uno studio presentato dall'Ufficio federale sanità pubblica

Ats, a cura de laRegione
cannabis-due-terzi-degli-svizzeri-pro-legalizzazione
Legale si, ma regolamentata severamente (Ti-Press)

Due terzi della popolazione svizzera è favorevole a una legalizzazione della cannabis, a patto che vi sia una severa regolamentazione, che tuteli in particolare i minorenni. È quanto emerge da un sondaggio realizzato dall'istituto di ricerca Sotomo e presentato oggi a Berna dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). Una netta maggioranza, pari al 70% degli interpellati, riconosce l'importanza di rivedere la legislazione sulla canapa in Svizzera. Si pronunciano nettamente a favore in particolare le generazioni che hanno già vissuto numerosi dibattiti sulla politica in materia di droghe, precisa una nota dell'Ufsp.

Nelle città siamo sopra all'80%

Due terzi degli interpellati sostengono le previste sperimentazioni pilota sulla dispensazione controllata di canapa per il consumo a scopo ricreativo. Nelle città, e soprattutto nelle località in cui si è pensato di realizzare tali progetti, la percentuale dei favorevoli oltrepassa addirittura l'80%. Secondo gli interpellati, il contenimento del mercato nero e la maggiore sicurezza nel consumo sono i fattori più importanti a favore della legalizzazione. Le principali ragioni dei contrari sono i danni che la canapa provoca al cervello dei giovani e il fatto che la legalizzazione possa far apparire meno gravi i rischi legati al consumo di droga. Nel caso di una legalizzazione sono ritenute particolarmente importanti anche le misure di accompagnamento a livello normativo che sarebbero adottate per tutelare la salute della popolazione. In primo luogo si colloca il rafforzamento della tutela dei giovani, che rappresenta un'esigenza importante per il 70 % degli interpellati.

Età minima per il consumo: 18 anni

Quasi due terzi si esprimono a favore di un'età minima di 18 anni per il consumo. Una buona metà auspica un rigoroso divieto di pubblicizzare i prodotti a base di canapa. Oltre il 40% propende invece per una regolamentazione rigorosa nel senso di disposizioni analoghe a quelle che vigono per le sigarette o le bevande alcoliche. Oltre il 60% degli interpellati è del parere che i prodotti a base di canapa dovrebbero essere oggetto di un'imposizione elevata. Per oltre la metà degli interpellati occorre anche potenziare la prevenzione e la limitazione della concentrazione di Thc nei prodotti legali a base di canapa. Quasi la metà si esprime inoltre a favore di una quantità massima di canapa per ogni acquisto e di un obbligo di ricorrere a una consulenza per le persone che presentano un consumo problematico. Il sondaggio è stato realizzato tra la fine di gennaio e l'inizio di aprile 2021 su 3166 persone maggiorenni domiciliate in Svizzera e aventi diritto di voto, attinte dalla base di campionamento dell'Ufficio federale di statistica (Ust).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
5 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
7 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
8 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
10 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
11 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved