laRegione
04.06.21 - 18:47
Aggiornamento: 19:09

Il Consiglio federale chiede di sbloccare il ‘miliardo’ Ue

Trasmesso al Parlamento il messaggio sul secondo contributo al fondo di coesione europeo. Una decisione è attesa per la sessione autunnale delle Camere.

il-consiglio-federale-chiede-di-sbloccare-il-miliardo-ue
Keystone
Il presidente della Confederazione Guy Parmelin e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Berna – Il Consiglio federale ha formalmente chiesto oggi al Parlamento di sbloccare il secondo contributo elvetico al fondo di coesione europeo, pari a 1,3 miliardi di franchi su dieci anni.

Le Camere, su richiesta del governo, dovranno tuttavia accettare di revocare la clausola secondo cui non saranno contratti impegni finché l’Ue adotta misure discriminatorie nei confronti della Svizzera.

Nella lettera inviata il 26 maggio 2021 alla presidente della Commissione europea nella quale diceva di non voler firmare l'accordo istituzionale, il governo aveva anche precisato la volontà di adoperarsi affinché il Parlamento sblocchi in tempi rapidi il cosiddetto secondo miliardo di coesione. Ora è cosa fatta.

In una nota pubblicata oggi, l'esecutivo spiega che lo sblocco del secondo contributo di coesione "fa parte dell'agenda di politica europea del Consiglio federale nell'ottica del proseguimento della via bilaterale". Il Parlamento dovrebbe essere chiamato a decidere nella sessione autunnale.

Un credito già approvato ma bloccato

Le Camere federali avevano già approvato il contributo il 3 dicembre 2019. Il Parlamento aveva però aggiunto una clausola: il versamento diverrà effettivo solo quando l'UE ritirerà le misure discriminatorie nei suoi confronti, come la mancata proroga dell'equivalenza borsistica. E, soprattutto, se non ne adotterà di nuove.

Nel suo messaggio licenziato oggi, il governo chiede al Parlamento di revocare tale clausola. Con il contributo di coesione il governo afferma di voler "sottolineare, in seguito alla decisione di porre fine ai negoziati sull'accordo istituzionale, che la Svizzera rimarrà un partner affidabile dell'UE".

L'esecutivo afferma poi di continuare ad impegnarsi "affinché la Svizzera non sia discriminata e non sia trattata diversamente da altri Paesi terzi nel quadro, per esempio, di procedure di equivalenza dell'UE". Nel messaggio, il governo indica poi di puntare a concludere il Memorandum of Understanding (MoU) con Bruxelles per definire i parametri attuativi del contributo. "I colloqui devono proseguire a ritmo sostenuto", sostiene.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
10 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
10 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
11 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
11 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
11 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
12 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
13 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
14 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
14 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved