laRegione
16.08.21 - 20:53

"Sbloccare il secondo miliardo di coesione all'Ue"

Così si è espressa la Commissione politica estera del Consiglio degli Stati per 11 voti a 2

Ats, a cura de laRegione
sbloccare-il-secondo-miliardo-di-coesione-all-ue
L'ultimo summit Svizzera-Europa (Keystone)

Il secondo miliardo di coesione dovrebbe essere versato all'Unione europea. Ne è convinta la Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati che ha esaminato per la prima volta il progetto trasmessole la settimana scorsa dal Consiglio federale.

L'entrata in materia è stata approvata con 11 voti contro 2, hanno indicato oggi i servizi del Parlamento su Twitter. Le Camere federali si pronunceranno sul tema durante la sessione autunnale.

Il Parlamento aveva accolto nel dicembre 2019 il secondo contributo svizzero al fondo di coesione europeo, pari a 1,3 miliardi di franchi su dieci anni, a condizione che l'UE non adottasse misure discriminatorie contro la Confederazione.

Il Consiglio federale vuole ora togliere questa condizione e sbloccare il contributo. Berna vuole così mostrare a Bruxelles che, nonostante la fine dei negoziati sull'accordo quadro, la Svizzera intende rimanere un partner affidabile e contribuire in modo costruttivo al buon funzionamento di questo partenariato.

Per il Consiglio federale, lo sblocco del miliardo di coesione deve consentire di fare passi avanti in altri dossier trattati con l'UE, in particolare il riconoscimento dell'equivalenza borsistica da parte dell'Unione europea.

Lungo processo

I fondi del credito quadro per la coesione possono essere impiegati soltanto a partire dal 3 dicembre 2024. Non sono direttamente versati ai Paesi partner ma attribuiti a progetti e a programmi specifici. Un processo che può durare tre anni.

Anche in caso di sblocco entro la fine dell'anno, sarà quindi difficile raggiungere un impiego totale dei fondi sulla base della legislazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
9 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
11 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
12 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
13 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
15 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved