laRegione
27.05.21 - 15:03
Aggiornamento: 21:41

Farmaci, in Svizzera in un anno ancora più cari che all'estero

Fra i vari tipi di preparati, i generici costano nel nostro Paese il 45,2% in più che negli altri Paesi contro il 42% del 2020

Ats, a cura de laRegione
farmaci-in-svizzera-in-un-anno-ancora-piu-cari-che-all-estero
(Ti-Press)

Le differenze di prezzo dei medicinali tra Svizzera e paesi europei comparabili sono aumentate nell'arco di un anno. Il divario, già enorme, è ulteriormente cresciuto anche per i generici. Secondo l'ultima indagine realizzata congiuntamente da Interpharma e santésuisse, l'evoluzione va attribuita principalmente all'andamento dei tassi di cambio.

I preparati innovativi rimangono i meno sopravvalutati nella Confederazione, con una differenza del 6,9% in aprile - rispetto al 4,5% di un anno prima - rispetto ai prezzi medi in Danimarca, Austria, Belgio, Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Svezia, Finlandia e Francia.

Seguono, per ampiezza del divario del costo, le medicine originali per le quali la protezione del brevetto è scaduta: 11,5% (contro un +10% dodici mesi prima), indicano Interpharma (l'associazione che fa gli interessi delle 23 aziende farmaceutiche attive nella ricerca, tra cui i due colossi Novartis e Roche) e santésuisse (associazione che rappresenta vari assicuratori malattia) in un rapporto pubblicato oggi.

Già particolarmente costosi nel raffronto internazionale da molto tempo, il mese scorso i generici risultavano più cari del 45,2% - contro un +42,0% nell'aprile del 2020.

Differenze abissali fin dalla fabbricazione

Il prezzo di fabbrica può essere particolarmente significativo nel determinare il costo di queste copie di medicinali originali. Ad esempio, Sandoz fa pagare 50,66 franchi per una scatola di 100 compresse di Atorvastatina da 10 mg venduta in Svizzera, mentre la filiale di Novartis per i generici chiede solo 5,65 euro (6,19 franchi al cambio attuale) per una confezione di 98 pastiglie in Belgio.

Solo su territorio elvetico la differenza media di prezzo tra la versione generica di questo farmaco (utilizzato per abbassare il tenore di colesterolo e trigliceridi nel sangue) e la versione originale supera il doppio (32 contro 76 franchi).

Il costo totale dei medicinali utilizzati nel settore ambulatoriale in Svizzera nel 2020 è stato di 7,6 miliardi di franchi, con un aumento del 5% rispetto all'anno precedente. I preparati originali protetti da brevetti rappresentavano più della metà di questo importo, mentre i generici il 16%.

Divergenze tra santésuisse e Interpharma

Santésuisse calcola che l'istituzione di un sistema di prezzi di riferimento, la priorità accordata alla prescrizione di generici, l'allineamento sui prezzi praticati all'estero e un allentamento del principio di territorialità per il rimborso dei medicinali permetterebbe di risparmiare 350 milioni di franchi.

Una riduzione dei margini della distribuzione genererebbe un'economia supplementare di circa 330 milioni di franchi, mentre il passaggio a una revisione annuale dei criteri di inclusione nella lista delle specialità per i farmaci protetti o no da un brevetto rappresenterebbe un potenziale di risparmio supplementare di 100 milioni.

I 780 milioni di economie potenziali corrispondono a una riduzione del 2,3% dei premi di cassa malattia, o un risparmio di 85 franchi all'anno per assicurato, secondo santésuisse.

Entrambi gli autori dello studio concordano sul fatto che la differenza di prezzo tra la Svizzera e i suoi vicini europei per i farmaci innovativi è piccola, ma la convergenza d'idee si ferma qui. Interpharma chiede il mantenimento della revisione triennale dei prezzi e si oppone alle importazioni parallele di prodotti protetti da brevetto che, secondo l'organizzazione dell'industria farmaceutica, metterebbero in pericolo la sicurezza dei pazienti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
energia
9 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
16 ore
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
18 ore
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
19 ore
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
20 ore
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
21 ore
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
21 ore
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
22 ore
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
1 gior
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
1 gior
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
© Regiopress, All rights reserved