laRegione
Zurigo
12.04.21 - 17:34

Condannato per chat con 14enne: era in realtà un poliziotto

Un 22enne di Zurigo aveva fissato un incontro di sesso con la presunta minorenne: in realtà dietro il nickname si nascondeva un agente di polizia

Ats, a cura de laRegione
condannato-per-chat-con-14enne-era-in-realta-un-poliziotto
(Ti-Press)

Un uomo di 22 anni della Macedonia del nord è stato condannato a Zurigo per una chat in cui aveva concordato un incontro con una 14enne per fare sesso. Dietro allo pseudonimo "Vanessa" si celava in realtà un agente di polizia.

L'accusato, che è sposato e ha una figlia di un anno e mezzo, è stato condannato a dieci mesi di detenzione e all'espulsione dalla Svizzera per cinque anni, per l'imputazione di tentati atti sessuali con fanciulli. La sentenza del Tribunale cantonale di Zurigo non è ancora definitiva e può essere impugnata davanti al Tribunale federale.

I fatti risalgono al gennaio 2019. Attraverso una chat e con e-mail, l'accusato si era informato sulle preferenze di "Vanessa" per gli uomini, sulle sue relazioni ed esperienze sessuali, chiedendole espressamente se era pronta a incontrarlo per scambiare baci e praticare sesso orale.

In aula, l'imputato ha ammesso i fatti, dichiarando tuttavia che pensava che la ragazza avesse già 16 anni. Il giovane uomo era convinto che il sesso consensuale non fosse punibile e ha detto di aver deciso di incontrare la ragazza perché sua moglie era incinta all'epoca e la coppia faceva meno sesso.

La corte non gli ha creduto. La cronologia della chat mostra in effetti molto chiaramente che "Vanessa" ha ripetutamente detto di avere 14 anni. L'imputato aveva anche espresso il timore di essere scoperto dalla polizia e chiese alla ragazza di essere discreta. Il giovane uomo è stato arrestato davanti alla casa dove la ragazza diceva di vivere, presentandosi all'appuntamento munito di preservativi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 min
Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale
Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
4 ore
USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro
I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
4 ore
Ginevra, Uber può continuare a operare
L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
6 ore
Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3
Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
6 ore
Penuria di farmaci, al lavoro una task force
Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
7 ore
Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento
Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
9 ore
1° febbraio: è il giorno della prova sirene
Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
11 ore
Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’
L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
1 gior
Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto
Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior
Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti
La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
© Regiopress, All rights reserved