laRegione
29.01.21 - 07:46
Aggiornamento: 16:56

Votazioni federali, sondaggio Ssr: sarebbero tre 'sì'

Dal sondaggio Ssr, si fosse votato il 7 marzo, dissimulazione del viso, identificazione elettronica e libero scambio con l'Indonesia sarebbero stati accolti

di Ats/Red
votazioni-federali-sondaggio-ssr-sarebbero-tre-si
Who's that girl? (Ti-Press)

Se si fosse votato a metà gennaio tutti i tre oggetti sui quali il popolo è chiamato a esprimersi il 7 marzo - l'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso", la Legge federale sull'identificazione elettronica e l'accordo di libero scambio con l'Indonesia - sarebbero stati accolti. È quanto rivela il primo sondaggio realizzato dall'istituto di ricerca gfs.bern su mandato della Sst. Con tutte le attenzioni per una campagna che è solo agli inizi, mancando ancora sette settimane all'appuntamento alle urne.

Dissimulazione del viso

56% di voti a favore e il 40% di contrari, oltre i due terzi degli intervistati (69%) sono già sicuri della loro scelta, mentre il 4% ancora non si è fatto un'idea. L'iniziativa sul divieto del burqa registra un maggiore sostegno in Ticino (68%) e nella Svizzera francese (63%) che nella Svizzera tedesca (54%). Accoglie inoltre più consensi nelle zone rurali che nelle città, così come tra gli ultra 40enni. L'argomento che più convince i favorevoli è quello della parità dei diritti (76%), seguito dalla lotta contro il terrorismo e i criminali (65%) e il simbolo oppressivo del velo integrale per le donne (59%). L'argomentazione dei contrari è invece il rischio che le donne siano escluse dalla vita pubblica (59%).

Questi primi risultati potrebbero suggerire che l'iniziativa sia accettata il 7 marzo. Tuttavia, l'istituto gfs.bern è cauto sul risultato del voto. Il sostegno all'iniziativa all'interno del Plr, del Centro (Ppd, Pbd e Evangelici) e del PVL non è completamente assicurato. "È qui che la decisione sarà presa", sottolinea il gfs.berna.

Maggioranza risicata per identificazione elettronica

La Legge federale sui servizi d'identificazione elettronica, mostra una maggioranza a favore, ma debole (52%), mentre il 37% è deciso a votare contro. Ma le opinioni sono ancora lontane dall'essere definite: l'11% degli intervistati è infatti ancora indeciso a livello nazionale e tale percentuale è addirittura del 21% nella Svizzera francese. Il Ticino, dove i favorevoli a questo oggetto sono il 66% (contrari il 23% e indecisi l'11%), si distacca nettamente dalla Svizzera tedesca (54% sì) e dalla Svizzera francese (47% di sì). La maggioranza degli elettori del Plr, del Pvl e del Centro (Ppd, Pbd e Evangelici) voteranno a favore del progetto. La base dell'Udc lo sostiene di misura, mentre Ps e Verdi sono in gran parte contrari.

Accordo libero scambio, tutto aperto

L'accordo di libero scambio con l'Indonesia è accolto al 51% e respinto al 36%. Il 13% degli intervistati si è detto ancora indeciso. I contrari sono soprattutto maggiori tra le fila dei Verdi e del Ps, mentre i sostenitori sono predominanti tra i simpatizzanti del PLR. La quota di indecisi è ancora grande tra i giovani, le donne e nelle piccole e medie città. Per due terzi di coloro che sono a favore di questo accordo, l'argomento chiave è la soppressione dei diritti doganali e altri ostacoli al commercio. Per gli oppositori, l'ecologia e i diritti dell'uomo sono al primo posto (83%). Un altro 63% pensa che l'olio di palma troppo economico faccia concorrenza agli oli indigeni. Il 56% si aspetta che il piccolo effetto dell'accordo sull'economia svizzera non compensi il danno causato dalla produzione di olio di palma.

(L'istituto gfs.bern ha condotto il sondaggio dall'11 al 24 gennaio tra 9'067 persone con diritto di voto. Il margine di errore è di +/- 2,8 punti percentuali)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
17 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
18 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved