laRegione
28.10.20 - 18:34
Aggiornamento: 19:25

Edilizia, fallite le trattative salariali

Unia e Ocst chiedevano il mantenimento del potere d'acquisto dei dipendenti e un premio Covid. Gli impresari costruttori, invece, una riduzione dei salari.

edilizia-fallite-le-trattative-salariali
Negoziazioni terminate senza alcun risultato (Ti-Press)

Trattative fallite nel settore dell'edilizia principale. Dopo l'ultimo incontro tenutosi oggi tra sindacati e la Società svizzera impresari costruttori (Ssic) non è stato raggiunto “alcun risultato”, si legge in un comunicato congiunto di Unia e Ocst. La Ssic “insiste nel pretendere una diminuzione dei salari e rifiuta categoricamente di entrare in materia di un premio Covid” a favore dei dipendenti. 

Nonostante la crisi legata alla pandemia di coronavirus, la congiuntura ne settore edile è “estremamente stabile”. Lo dimostra il fatto che “i progetti edili e le cifre relative alle domande di costruzione sono aumentate anche durante il mese di settembre”, affermano i sindacati nella nota. I settori “economicamente in segno positivo” dovrebbero dunque “sostenere il mantenimento del potere d’acquisto dei salari dei propri collaboratori” ed entrare “nel merito delle richieste sindacali di un bisogno di adeguare i salari”.

Tuttavia, gli impresari costruttori pretendevano “una riduzione dei salari dei lavoratori edili”. Un ”ultimatum” definito dai sindacati ”irresponsabile” e che “contrasta crassamente con l’impegno dei lavoratori edili dimostrato durante la crisi pandemica da Covid-19 di questa primavera”. Uno sforzo che, propongono Unia e Ocst, meriterebbe “un premio Covid-19 per l’impegno profuso”. Questa proposta è però stata “categoricamente esclusa dagli impresari costruttori”.

Dopo il fallimento delle trattative, “i sindacati proporranno alle imprese responsabili di aumentare, a livello aziendale, i salari dei propri collaboratori mantenendone il potere d’acquisto. Con queste condizioni di lavoro non si può pretendere di disporre di nuovi lavoratori qualificati”, conclude la nota.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
17 ore
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
17 ore
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
17 ore
Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina
Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
18 ore
Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali
Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
18 ore
Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento
La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
19 ore
‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’
Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
20 ore
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
22 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
23 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
© Regiopress, All rights reserved