laRegione
05.09.20 - 18:17
Aggiornamento: 06.09.20 - 17:00

Il Ppd vuole il raddoppio in Consiglio federale entro il 2027

Il partito nazionale, riunito in assemblea a Baden, ha affrontato tra gli altri il declino di consensi. Il presidente: 'Avere il coraggio di decollare'

Ats, a cura de laRegione
il-ppd-vuole-il-raddoppio-in-consiglio-federale-entro-il-2027
Keystone

Il Ppd deve "avere il coraggio di decollare", ha affermato il suo presidente, Gerhard Pfister, oggi all'assemblea dei delegati di Baden (Argovia), illustrando gli obiettivi a lungo termine del partito. La consigliera federale Viola Amherd ha sottolineato l'importanza di farsi guidare dai valori cristiani nell'azione politica.

Pfister ha ribadito più volte il concetto di "centro", presentando nuovamente la proposta del cambio di nome da Partito popolare democratico ad Alleanza del Centro, che tuttavia dovrà prima essere accolto dalla base con un voto.

"Vogliamo rimanere la forza politica nazionale del centro e aprirci a tutti coloro che condividono i nostri valori", ha aggiunto il consigliere nazionale zughese di fronte ai circa 200 delegati muniti di mascherina.

Un centro senza riferimenti religiosi

C'è un numero considerevole di elettori elvetici che sostengono la politica del partito, ma non lo votano perché non sono né cattolici né particolarmente religiosi, ha rilevato il presidente del Ppd, sostenendo che potenziali sostenitori percepiscono negativamente il riferimento cristiano nel nome - che in Ticino è tuttavia stato abbandonato da tempo. In tedesco e francese il partito è denominato rispettivamente Christlichdemokratische Volkspartei (letteralmente Partito popolare cristianodemocratico) e Parti démocrate-chrétien (Partito democratico-cristiano). Il riferimento cristiano è stato mantenuto anche nel nome italiano della sezione grigionese.

Trasparenza in cambiamento denominazione

Il processo per il cambiamento di denominazione deve essere "il più trasparente e il più equo possibile", ha ribadito il presidente, ricordando gli obiettivi che il Ppd vorrebbe raggiungere nei prossimi anni. La futura Alleanza del Centro, ha spiegato Pfister, vuole raggiungere la quota del 20% di consensi e recuperare nel 2027 il secondo seggio in Consiglio federale, perso da Ruth Metzler nel 2003 a favore di Christoph Blocher (Udc).

Valori cristiani guidino la politica

La consigliera federale Viola Amherd è intervenuta al termine dell'assemblea. Senza fare riferimenti alla denominazione del partito, la responsabile del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport ha sostenuto l'importanza di "vivere i valori cristiani, anche nel lavoro politico".

Raccomandazioni di voto

Dopo un'animata discussione, con 117 voti contro 56, i delegati hanno raccomandato a popolo e Cantoni di bocciare l'iniziativa popolare "Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente", che sarà posta in votazione il 29 novembre.

I delegati hanno dunque seguito le raccomandazioni della direzione del partito e del gruppo alle Camere federali. La proposta di modifica costituzionale mira a garantire che le aziende svizzere - ad esempio quelle attive nell'estrazione di materie prime - siano ritenute responsabili delle violazioni dei diritti dell'uomo e dei danni ambientali causati dalle loro filiali all'estero. Il no all'iniziativa di fatto spiana la strada al controprogetto indiretto.

Anche se le domande poste dai promotori sono quelle giuste, le risposte sono sbagliate, ha detto durante la discussione il consigliere agli Stati vallesano Beat Rieder.

Divergenza con PBD

Oggi i delegati del Partito borghese democratico (Pbd), riuniti in assemblea sul Weissenstein (Soletta), hanno invece sostenuto la proposta di modifica costituzionale. All'inizio dei lavori assembleari avevano adottato una modifica degli statuti del partito che consente una eventuale fusione con il Ppd per istituire una nuova formazione politica di centro.

"Ora, insieme al Ppd, vogliamo creare l'opportunità di continuare a coltivare e difendere i nostri valori sotto un nuovo tetto, con cura e orgoglio", afferma il presidente del Pbd Martin Landolt, citato in una nota. "Siamo fiduciosi che nei prossimi mesi riusciremo a creare insieme qualcosa di storico, che garantirà al centro politico svizzero un futuro sostenibile e il successo che merita".

No a restrizioni su materiale bellico

Nel Ppd, sull'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico", pure sottoposta a votazione alla fine di novembre, non vi è stata discussione: 161 delegati ne hanno raccomandato la bocciatura, 25 l'accettazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
friburgo
6 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
12 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
17 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
18 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
19 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 gior
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
© Regiopress, All rights reserved