laRegione
archivio Ti-Press
Svizzera
23.09.19 - 12:500

Voto problematico per 320mila ciechi

La segretezza delle urne non è garantita per chi ha gravi problemi di vista. Lo denuncia la Federazione svizzera dei ciechi e ipovedenti

Le persone non vedenti e ipovedenti non potranno partecipare alle elezioni federali in maniera autonoma, a causa delle disposizioni vigenti. La Federazione svizzera dei ciechi e ipovedenti invita il Consiglio federale a introdurre quanto prima il voto elettronico per ovviare ai problemi del sistema attuale.

La segretezza delle urne non è garantita per chi ha gravi problemi di vista poiché deve essere assistito da un'altra persona. Questo contravviene all'articolo 5 capoverso 7 della Legge federale sui diritti politici che garantisce la segretezza del voto. Il voto elettronico, testato nel cantone di Basilea Città, ha permesso invece a non vedenti e ipovedenti di partecipare autonomamente a elezioni e votazioni evitando loro di dover riempire a mano i documenti di voto.

La Federazione si rammarica che lo scorso giugno il Consiglio federale abbia deciso di abbandonare il voto elettronico e lo invita a riconsiderare la sua decisione. Un sistema di voto elettronico consentirebbe alla Svizzera di soddisfare i requisiti della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità e della Legge federale sull'uguaglianza delle persone con disabilità, sottolinea un comunicato.
 
 

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
ipovedenti
voto
svizzera
segretezza
problemi
federazione
urne
federazione svizzera
voto elettronico
vista
TOP NEWS Svizzera
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile