laRegione
Ti-Press
Svizzera
08.01.19 - 13:580

Scomparse 107 armi dell'esercito

Nel 2018 sono state perse molte più armi rispetto all'anno precedente. In flessione invece il numero di armi tenute dai militi al termine del servizio militare

Nel 2018 in Svizzera sono andate perse 107 armi dell'esercito, molte di più rispetto all'anno precedente. In flessione risulta invece il numero di armi tenute dai militi al termine del servizio militare. Nel 2017 erano scomparsi 85 fucili d'assalto e pistole, ha indicato oggi il Dipartimento Federale della difesa, protezione della popolazione e dello sport (DDPS) confermando un rapporto del "Blick". Un anno prima erano andate perse 69 armi.

Dal 2009 sono scomparse complessivamente 766 armi. Lo scorso anno ne sono state ritrovate 36, di cui tre fucili d'assalto all'estero. Secondo il portavoce dell'esercito Stefan Hofer, ci sono molte ragioni per la perdita di armi. Ad esempio, vengono rubate in furti con scasso o durante gli spostamenti oppure vanno distrutte in incendi. Ma anche durante il servizio militare può capitare che cadano in acqua e scompaiano senza lasciare traccia, ad esempio guadando fiumi.

Le armi perse si contano in per mille, non in percento. L'esercito si impegna comunque perché questo non accada. I militi in servizio vengono regolarmente resi attenti del loro dovere di custodire in modo sicuro questi oggetti. Inoltre, dal 2017 nel libretto di servizio vi è anche un volantino su come prevenirne la perdita. Hofer indica che qualsiasi scomparsa di un'arma, privata o dell'esercito, va immediatamente segnalata alla polizia.

Meno interessati a tenere l'arma

Negli ultimi anni i militi svizzeri sembrano aver perso interesse a tenere le proprie armi a casa al termine del servizio militare obbligatorio. Secondo il DDPS, nel 2017 sono 2513 le armi diventate di proprietà privata, tra cui 1523 fucili d'assalto e 990 pistole. Il 90% dei congedati non le ha invece volute. Nel 2004, quando l'introduzione della legge Esercito XXI ha portato una significativa riduzione degli stock degli arsenali, il 43% dei militi congedati aveva preso in consegna la propria arma. Allora furono 31'915 a passare in mani private, di cui 20'109 fucili d'assalto e 11'806 pistole. Dal 2004 sono sono state consegnate complessivamente oltre 106'000 armi al termine del servizio. Il declino dell'interesse è probabilmente legato anche all'inasprimento delle regole entrato in vigore nel 2010. In caso d'adozione delle direttive europee, questi requisiti potrebbero essere ancora ulteriormente rafforzati.
 
 

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Uber offrirà servizi anche a Sion, Friborgo e Yverdon
La compagnia americana sbarca in altri tre centri. Nei primi due si appoggerà completamente sui taxi locali
Svizzera
3 ore
Coronavirus, stabili i nuovi contagi in Svizzera: ieri 54
Dopo l'aumento registrato la scorsa settimana, i nuovi contagi da Covid-19 sono tornati sotto soglia 100. E vi rimangono. Tre nuovi ricoveri
Svizzera
4 ore
Esercito, 38 reclute e quadri trovati positivi al Covid-19
È il risultato dello screening eseguito su 11'828 militi entrati in servizio per la scuola reclute 2020
Svizzera
21 ore
Quindici anni al 'guru' del sesso che abusò di 18 giovani donne
Tribunale vodese condanna 66enne sedicente guaritore. Era stato arrestato grazie alla denuncia sporta da una delle sue vittime.
Svizzera
22 ore
Volevano arruolarsi nell'Isis: due persone a processo al Tpf
Depositato l'atto d'accusa nei confronti di uno svizzero e di uno svizzero-tunisino residenti in Romandia. Erano stati arrestati al rientro dalla Turchia.
Svizzera
1 gior
Urina contro un muro e viene picchiato, prestazioni Suva ridotte
Il Tribunale federale dà ragione all'assicurazione contro gli infortuni, che ha ritenuto che la vittima non fosse esente da responsabilità
Gallery
Svizzera
1 gior
Obbligo della mascherina in Svizzera, primo giorno positivo
Mezzi pubblici, la maggior parte della popolazione rispetta le disposizioni. Ffs e Bls soddisfatte. Una mascherina con il "20 minuti" stamattina a Lugano
Svizzera
1 gior
Calano i contagi in Svizzera, nel weekend in Ticino doppia cifra
Sono 47 i nuovi positivi al Coronavirus registrati in Svizzera nelle ultime 24 ore. Domenica erano 70. A sud delle Alpi, da venerdì, 10 casi
Ginevra
1 gior
Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet cacciato dal Plr
Lo ha deciso il comitato direttivo del partito a maggioranza schiacciante. Non era mai successo che un ministro in carica fosse estromesso
San Gallo
1 gior
San Gallo, nessuna speranza per i dispersi nel fiume Thur
Secondo i soccorritori i corpi dei due giovani caduti nella cascata sarebbero intrappolati sotto il flusso d'acqua
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile