laRegione
TENNIS
15.09.22 - 18:34
Aggiornamento: 19:42

Federer - Nadal, il duello del secolo

Lo svizzero e l’iberico, amici nonostante la rivalità, hanno dato vita a sfide memorabili. In totale, il maiorchino avanti 24-16 grazie alla terra rossa

federer-nadal-il-duello-del-secolo

Per 15 anni, Roger Federer e Rafael Nadal hanno scritto la telenovela più appassionante della storia del tennis. Questo duello tra due giocatori con stili completamente diversi si è risolto a favore dello spagnolo grazie alla sua supremazia sulla terra battuta. Nadal è il vincitore indiscusso ai punti (24-16) di questa battaglia del secolo in 40 round. La storia va dal 2004, quando il diciassettenne di Maiorca ha sorpreso il nuovo numero 1 del mondo, di cinque anni più anziano, fino alla semifinale di Wimbledon vinta da Federer nel 2019.

Il suo momento migliore è stato la finale del 2008 sull’erba inglese, quando Nadal, battuto l’anno precedente in un match già memorabile, ha detronizzato il cinque volte campione in carica all’imbrunire, dopo quasi cinque ore di tennis da sogno da entrambe le parti. Questa partita è la più famosa nella storia del tennis, insieme a quella tra Borg e McEnroe del 1980, sulla stessa erba.

Ritorno mozzafiato

Ci sono stati altri momenti importanti, come la finale degli Australian Open del 2009, in cui lo svizzero, sconfitto, non è riuscito a trattenere le lacrime. O quella che vinse otto anni più tardi, facendo uno straordinario ritorno sul palcoscenico del Grande Slam dopo sei anni di digiuno.

Nadal ha avuto la meglio nelle finali del Grande Slam (6-3), nelle partite giocate in tutti i turni dei Major (10-4) e nelle finali di tutti i tornei (14-10). Questo record si spiega con la sua schiacciante superiorità sulla terra battuta: 14 vittorie a 2, di cui 4 nella finale degli Open di Francia. Federer, invece, è in vantaggio sull’erba (3-1) e sul duro (10-9) ma non sul duro all’aperto (8-6 per Nadal).

Il più frequente

La partita Federer-Nadal, vista nove volte, è stata la finale del Grande Slam più frequente della storia, davanti alle sette partite Nadal-Djokovic e alle sette Djokovic-Murray. Non è stato il numero di partite, ma il contrasto di stili, come nei quattro incontri Borg-McEnroe, a entusiasmare il pubblico: leggerezza e offensivismo da parte dello svizzero, potenza e difesa da parte dello spagnolo, anche se Federer aveva ovviamente ottime gambe e Nadal colpi d’attacco devastanti, soprattutto con il dritto.

Per tenere a bada lo svizzero, il maiorchino ha adottato una tattica semplice: colpire il suo rovescio, il suo colpo più debole, con grandi dritti mancini. "Con Federer, l’unica cosa da fare è tenere alto il suo rovescio, costringerlo a colpire la palla alta, con la racchetta all’altezza del collo, metterlo sotto pressione, insidiarlo, cercare il break e minare il suo morale", spiega nella sua autobiografia ("Rafa").

Rivali ma amici

Alla fine Federer ha trovato il modo di superare questo problema e ha colmato il divario nel record complessivo vincendo le ultime sette partite fuori dalla terra battuta. Sulla terra battuta, tuttavia, ha oscillato tra diverse varianti della sua strategia offensiva senza mai avere successo. Proprio nell’anno in cui Nadal fu messo fuori gioco da un infortunio al ginocchio, riuscì a vincere il suo unico Open di Francia, nel 2009.

Con il passare delle stagioni, Nadal ha evoluto il suo gioco, aggiungendo un servizio efficace sull’erba e sui campi duri e un formidabile rovescio (a due mani) per sconvolgere il suo rivale su tutte le superfici.

I due campioni sono stati l’uno il principale ostacolo dell’altro (e di Novak Djokovic) al dominio totale del circuito. Eppure, non c’è mai stato il minimo astio, ma piuttosto un’amicizia mai smentita tra i due uomini, che si sono invitati a casa loro e hanno partecipato insieme a eventi promozionali come la "Battaglia delle Superfici" (una parte in terra rossa, l’altra in erba) nel 2007.

Lo spagnolo, in particolare, non ha mai nascosto la sua ammirazione per il rivale. Nel suo libro, ammettendo di avere un "gap di talento" con lo svizzero, ha detto di essere "sbalordito dalla qualità del suo gioco" e ha ammesso di "non riuscire a credere di essere riuscito a batterlo", anche perché "Federer non era del tutto Federer quando giocava contro di me".

Lo svizzero ha sottolineato che è stato Nadal, un giocatore "che ha colpi che nessun altro ha", a spingerlo a sfidare il suo gioco per diventare un campione ancora più grande.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
1 ora
L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48
75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
6 ore
L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’
Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
6 ore
Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’
Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
7 ore
Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor
Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
8 ore
Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta
Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
8 ore
Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo
Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
11 ore
Ticino fermato dal Kloten
I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
11 ore
Campionati regionali, vince un... varesino
Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
12 ore
Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’
La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
12 ore
Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno
La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
© Regiopress, All rights reserved