laRegione
caso-djokovic-credevamo-che-avrebbe-vinto-lo-sport
Keystone
16.01.22 - 16:40
Aggiornamento : 16:57

Caso Djokovic: ‘Credevamo che avrebbe vinto lo sport’

A prendere la parola la famiglia del tennista che, tramite un comunicato, commenta la sua espulsione

Ats, a cura de laRegione

I familiari di Novak Djokovic si sono detti fortemente delusi dall’epilogo della vicenda del campione con la sua espulsione dall’Australia, poiché credevano che lo sport avrebbe comunque vinto. In un comunicato diffuso dai media a Belgrado, la famiglia di Djokovic sostiene che a prevalere è stata la politica insieme a tutti gli interessi che hanno avuto il sopravvento.

“Pur dinanzi al comportamento scandaloso nei riguardi di Novak, credevamo che a vincere sarebbe stato lo sport. Credevamo che sarebbe stata accettata la circostanza confermata dal giudice, e cioè che Novak ha un visto valido, che la giustizia verrà soddisfatta e che nessun ‘interesse pubblico’ sarà pretesto per la decisione che è stata presa”, hanno detto i familiari del tennista serbo.

Sottolineando come si tratti di momenti molto difficili per Novak, la famiglia annuncia pieno appoggio al numero uno del tennis mondiale. “Quello che tutti dobbiamo fare, soprattutto noi come suoi familiari, è di mostrargli l’appoggio più forte di sempre. Dobbiamo aiutarlo a riconquistare energie, fiducia in questo sport, prima di tutto nel fairplay che in questo caso è mancato completamente”.

“Siamo orgogliosi di lui e della forza che ha messo in mostra e della lotta che ha condotto con dignità. Crediamo che da questa situazione uscirà più forte e che il tempo mostrerà quello che incontestabilmente lui ha sempre confermato finora, e cioè che è un grande campione e un grande uomo”, ha concluso la famiglia di Djokovic.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
famiglia novak djokovic sport tennista

TENNIS: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
atletica
2 ore
Us Ascona protagonista nella prima giornata degli Svizzeri
Oro di Gian Vetterli nel lancio del disco, argento di Ajla Del Ponte sui 100 m, bronzo di Emma Piffaretti nel lungo. Mujinga Kambundji da record
nuoto
5 ore
Noè Ponti chiude ottavo nella finale dei 100 delfino
Vince Kristof Milak, mentre Noè crolla nel finale ed è ultimo
CALCIO
7 ore
‘A Lugano per ultimare il mio apprendistato’
Lukas Mai, nuovo difensore centrale dei bianconeri, chiamato a sostituire Maric: ‘La dirigenza mi ha fatto capire di essere davvero interessata a me’
TENNIS
10 ore
A Wimbledon Wawrinka pesca l’italiano Sinner
Subito un pezzo grosso per il vodese, presente a Londra grazie a una wild card. In campo femminile, Golubic contro Petkovic, Bencic contro Wang
NUOTO
14 ore
Sasha Touretski eliminata, resta solo Noè Ponti
La ginevrina non ha superato le batterie dei 50 stile libero e ha chiuso con il 21° tempo. Il ticinese ultimo svizzero ancora impegnato ai Mondiali
CALCIO
1 gior
Roman Hangarter e Mijat Maric, nuovi acquisti del Team Ticino
Lo zurighese prenderà il posto di Immersi quale responsabile tecnico, mentre l’ex difensore bianconero rivestirà il ruolo di talent manager
hockey
1 gior
‘La risposta del pubblico sta tornando ai livelli prepandemici’
Il Ceo dell’Hc Lugano Marco Werder fa il punto della situazione su campagna abbonamenti, lavori alla Cornèr Arena e su diversi altri temi
nuoto
1 gior
Noè Ponti in semifinale anche nei 100 delfino
Il ticinese firma il terzo tempo delle batterie, pur rimanendo distante dal suo personale
gallery
hockey
1 gior
‘È stata una delle mie stagioni più belle’
La 17enne attaccante delle Ladies, Elena Gaberell ha disputato i Mondiali U18 da capitana. ‘In futuro vorrei giocare per un’università nordamericana’
nuoto
2 gior
Roman Mityukov alla finale dei 200 m dorso
Il ginevrino si qualifica con il settimo tempo, Lisa Mamié non passa invece lo scoglio delle semifinali nei 200 m rana
© Regiopress, All rights reserved