laRegione
09.01.22 - 16:44
Aggiornamento: 21:30

Caso Djokovic, l’Australia mostra i muscoli: ‘Decidiamo noi’

Canberra prende posizione a qualche ora dall’udienza sull’annullamento del visto al numero 1. ‘È nostra la competenza se farlo entrare o no’

caso-djokovic-l-australia-mostra-i-muscoli-decidiamo-noi
Keystone
Indipendentemente da ciò che deciderà il Tribunale, sostiene il governo di Canberra

Per il governo australiano l’infezione da Covid non è una motivazione sufficiente per ottenere l’esenzione medica, e Novak Djokovic non ha fornito ulteriori prove evidenti di controindicazione al vaccino. Di conseguenza, il numero uno del tennis mondiale non può entrare nel Paese, né prender parte agli Australian Open: questo indipendentemente dal giudizio del Tribunale chiamato a esprimersi sull’annullamento del visto, poiché è competenza del governo la scelta di non far entrare Djokovic. Questa, in sintesi, la posizione dell’esecutivo di Canberra, contenuta nella risposta che sarà portata in udienza.

Come si legge al punto 64, non esistono garanzie d’ingresso nel Paese da parte di un cittadino non australiano, siccome ci sono ragioni che il visto possa essere annullato o rifiutato. E anche se a Djokovic era stato confermato che le sue domande soddisfacevano i requisiti per poter viaggiare in Australia senza quarantena, il Ministro dell’interno ha il potere di verificare le prove e di cancellare il visto. In conclusione, si legge nel documento, la domanda di Novak Djokovic deve essere rifiutata.

E non è tutto: in un altro passo importante del documento il governo australiano ribadisce la propria facoltà di annullare il visto anche nel caso in cui il Tribunale dovesse dare ragione a Djokovic e revocasse la prima cancellazione del visto. «L’Australia, in quanto paese sovrano, mantiene la massima discrezionalità su chi lascia entrare nei propri confini».

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
35 min
Un mese di stop per Allan Arigoni
Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
11 ore
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
13 ore
Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto
La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
14 ore
Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa
Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
17 ore
La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno
A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
18 ore
L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’
I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
18 ore
Acb, anno nuovo e problemi vecchi
Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
19 ore
Doppio colpo per Novak Djokovic
Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
20 ore
Bronzo mondiale per Vogt e Michel
A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
22 ore
Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark
Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
© Regiopress, All rights reserved