laRegione
20.01.21 - 22:26

A Melbourne, tra quarantene e tensioni. 'Volevo aiutare'

Mentre gli Open d'Australia vivono una vigilia sotto assedio, Djokovic si difende dopo aver difeso i colleghi confinati: 'Né egoista, né ingrato'

a-melbourne-tra-quarantene-e-tensioni-volevo-aiutare
Poi, Dominic Thiem ne converrà, c'è balcone e balcone (Keystone)

Alta tensione agli Australian Open, tra l'aumento di casi positivi al Coronavirus e le polemiche sulla lunga quarantena dei tennisti. Una situazione su cui pesa indubbiamente anche la presa di posizione del numero 1 Novak Djokovic, costretto come tutti gli altri atleti a restarsene in camera d'albergo senza potersi allenare. Dopo aver chiesto un allentamento delle restrizioni il campione serbo ha portato avanti su internet la sua linea a difesa dei colleghi 'rinchiusi'. Il campione serbo in queste ore ha pubblicato una lunga lettera in cui si difende dalle critiche per le sue richieste a Craig Tiley, il direttore degli Open d'Australia, riguardo alla quarantena dei 72 atleti confinati negli hotel di Melbourne. «Le mie buone intenzioni verso di loro sono state travisate», spiega Djokovic. Il numero 1 al mondo respinge le accuse di essere stato «egoista e ingrato. Non potrebbe essere più lontano dalla verità». Intanto altri due giocatori dell'Australian Open sono risultati positivi al Covid, e sale dunque a 10 il numero di contagi direttamente legati al torneo, siccome le altre positività annunciate in un primo tempo sono state riclassificate come non infettive dalle autorità sanitarie.

Il primo Slam dell'anno inizierà l'8  febbraio, con tre settimane di ritardo, ma i dubbi sul torneo restano molti. Al momento sono 72 i giocatori confinati in quarantena stretta (14 giorni) senza autorizzazione a lasciare la propria camera d'albergo, per essere stati in contatto con alcuni passeggeri positivi sui voli per l'Australia. «Un giocatore è stato bloccato perché si trovava su un aereo sul quale c'era dei positivi - ha detto il Capo della Polizia dello Stato di Victoria, Lisa Neville -. Poi c'è un secondo giocatore più una persona del suo entourage".

Più di mille persone sono arrivate la scorsa settimana in Australia con 17 voli charter appositamente noleggiati, e i primi casi sono stati ben presto registrati tra i passeggeri. I media australiani hanno criticato i tennisti che si sono lamentati - e che si lamentano tutt'ora - delle condizioni di quarantena negli hotel, considerandolo un atteggiamento egoistico poiché la città di Melbourne ha dovuto sopportare quattro mesi di lockdown stringente, fino allo scorso ottobre, per arginare una seconda ondata epidemica. Da parte loro, gli organizzatori del torneo insistono sul fatto che la maggior parte dei giocatori ha rispettato le condizioni senza polemiche. Naturalmente, però, le immagini circolate sul web che ritraggono Novak Djokovic intento ad allenarsi sul balcone dell'hotel hanno riacceso le polemiche. «Alla luce delle recenti critiche sui social network per la mia lettera a Craig Tiley, vorrei chiarire alcune cose. Le mie buone intenzioni verso i colleghi a Melbourne sono state travisate, scambiate per egoiste e ingrate. Mi preoccupo sinceramente degli altri giocatori, e capisco anche molto bene cosa muova il mondo, e chi ottiene di più e perché». In quella lettera, Djokovic aveva fatto un elenco di richieste riguardanti le condizioni di quarantena dei giocatori, tra cui un notevole allenamento delle restrizioni, riguardo ad allenamenti, incontri con preparatori e allenatori e persino alla qualità del cibo.

Djokovic che, però, assieme a un altro ristretto gruppo di tennisti, si trova confinato ad Adelaide, non a Melbourne. E ha fatto parecchio discutere la risposta di Tiley alle proposte di Djokovic, quando il numero 1 del torneo ha spiegato che «i top player ad Adelaide vivono in condizioni migliori, hanno anche un balcone». Differenze che, secondo Tiley, hanno un fondamento. «Tutto questo verrà percepito come un trattamento privilegiato, ma stiamo parlando dei migliori giocatori al mondo». Insomma, il dibattito è servito.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
il dopopartita
1 min
È un Lugano poco cinico: ‘Abbiamo fatto tutto da soli’
A Bienne i bianconeri partono bene ma poi calano. Gianinazzi: ‘È mancata concretezza, ma a volte bisogna accettare che le partite girino in questo modo’.
il dopopartita
1 min
I due volti dell’Ambrì: ‘Vinto con le nostre forze e col gruppo’
Successo biancoblù con il Rappi nonostante le assenze e il brutto inizio. Mentre si avvicina la Spengler: ‘Atmosfera che non vediamo l’ora di rivivere’.
Qatar 2022
1 ora
Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti
Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
4 ore
La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi
Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
4 ore
Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese
Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
5 ore
La Sam e un weekend che è un bell’affare
Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
5 ore
Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia
Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
Volley
6 ore
Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa
Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
6 ore
Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel
All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
Formula 1
7 ore
Il Circus piange la morte di Patrick Tambay
Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
© Regiopress, All rights reserved