laRegione
Lucerna
1
Young Boys
1
fine
(1-0)
Winterthur
1
Lugano
0
fine
(1-0)
Thun
1
Xamax
0
fine
(0-0)
Fiorentina
1
Bologna
2
2. tempo
(1-1)
Zurigo
1
Ambrì
2
fine
(0-0 : 0-0 : 1-1 : 0-1)
Kloten
3
Berna
2
fine
(1-0 : 2-2 : 0-0)
Ginevra
Friborgo
20:00
 
GCK Lions
2
Winterthur
1
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 2-0)
Ticino Rockets
3
Langenthal
2
3. tempo
(0-1 : 1-1 : 2-0)
Visp
5
Olten
1
3. tempo
(3-0 : 1-1 : 1-0)
La Chaux de Fonds
5
Dra.gosier-ga
5
overtime
(1-0 : 3-3 : 1-2 : 0-0)
Turgovia
2
Sierre
0
3. tempo
(1-0 : 0-0 : 1-0)
I mondiali dal divano
laR
 
09.12.22 - 05:20
Aggiornamento: 17:02

Siamo tutti marocchini (almeno una volta nella vita)

La vittoria del Marocco contro la Spagna può anche essere vissuta come una sorta di rivalsa dei migranti contro i padroni di casa

siamo-tutti-marocchini-almeno-una-volta-nella-vita
Keystone
Da qui non si passa

Il tiro di Pablo Sarabia ha appena sfiorato il palo all’ultimo minuto dei supplementari. Yassine Bounou, detto Bono, va a riprendere il pallone con la consapevolezza che stia succedendo qualcosa di straordinario. E in verità il meglio deve ancora succedere. Arriva il triplice fischio dell’arbitro argentino Rapallini, la sfida tra Spagna e Marocco finisce sullo zero a zero. Si va ai rigori. Bono e Unai Simón camminano abbracciati verso la porta in cui verranno battuti i tiri dal dischetto che permetteranno a una delle due squadre di qualificarsi ai quarti di finale del Mondiale. I due portieri si conoscono dalla Liga, lo spagnolo difende la porta dell’Athletic Bilbao, il marocchino quella del Siviglia. Il Marocco tirerà per primo: Unai Simón va verso la porta, mentre Bono si defila. È proprio in quel momento che avviene la trasformazione definitiva del numero uno magrebino: non sarà più il bravissimo portiere che ha parato tutto quello che gli è arrivato durante la partita. È giunta l’ora di diventare un capitano della Guardia Civil, colui che dovrà ergersi davanti alla riga della porta come fanno i gendarmi spagnoli ai posti di blocco di Ceuta e Melilla: da qui non si passa, dirà Bono a Sarabia, a Soler e a Busquets. Tre rigori battuti, nessuno segnato. Quante volte saranno stati fermati al confine delle enclavi i vari Mohammed, Youssef, Omar? Marocchini che sognavano di raggiungere l’Europa per costruirsi una vita che a casa loro non esiste. E invece no, rispediti indietro, guardano Bono parare i tre rigori iberici seduti davanti alla tele: da Rabat, da Marrakech, perfino da Tangeri, a due passi dal confine maledetto.

Ci sono invece quelli che ce la fanno, quelli che riescono a sfuggire ai controlli e attraversano il Mediterraneo per sbarcare a Cadice, a Malaga, alle Canarie… Su suolo spagnolo diventano "clandestinos", "manos negras". Si aggiungono a "sudacas" e "chinos", insieme sono i Lumpen della società iberica. Andate a vedere sui social i video delle piazze di Madrid, Barcellona, Bilbao: migliaia di marocchini invadono le strade per festeggiare la vittoria della nazionale magrebina. E poi c’è ancora chi insiste: che la politica resti fuori dai campi di calcio. Come no. La politica in effetti non si mescola con il calcio; una partita del Mondiale riesce a rivoluzionare intere città (le polis, se preferite) e così facendo diventa politica lei stessa. A tal punto che la vittoria del Marocco può anche essere vissuta come una metafora, una sorta di rivalsa di tutti i popoli oppressi di fronte all’oppressore, dei poveri contro i ricchi, dei migranti contro i padroni di casa. Siamo tutti marocchini, da un certo punto di vista. O almeno una volta, da qualche parte nella nostra vita, forse lo siamo già stati.

Così arriviamo al paradosso del calcio: lo sport più popolare del pianeta è stato difatti convertito in un prodotto di massa, un business colossale e per di più uno strumento al servizio dei potenti di turno. Allo stesso tempo questo enorme prodotto conserva le peculiarità di ogni merce: oltre al suo valore di scambio c’è pure un suo valore d’uso. Cosa s’intende? Teoria del valore in sintesi: per valore di scambio ci si riferisce all’aspetto commerciale; per valore d’uso invece alle sue caratteristiche pratiche, a ciò che serve insomma. È proprio quest’ultimo valore che rende il calcio così affascinante, nonostante tutto. Quindi, mentre l’industria del football fa girare miliardi, quel semplice gioco in cui ventidue uomini rincorrono un pallone per novanta minuti riesce a suscitare, sul campo e su ogni schermo in tutto il mondo, delle emozioni ineguagliabili. Emozioni che ogni tanto assomigliano a un profondo senso di giustizia.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
24 min
Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano
Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
50 min
A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi
I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
1 ora
Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo
A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
2 ore
Bellinzona ancora senza identità
I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
4 ore
Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto
L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
21 ore
Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten
Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
21 ore
Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis
In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior
A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule
Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
1 gior
‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo
I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
1 gior
Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’
I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
© Regiopress, All rights reserved