laRegione
Spagna
Germania
20:00
 
Croazia
4
Canada
1
fine
(2-1)
Losanna
2
Aarau
2
fine
(2-0)
Zugo
Zurigo
20:00
 
laR
 
29.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 14:00

Il Lugano non può, deve sognare la Coppa

Dopo l’impresa con lo Young Boys i bianconeri a febbraio sfideranno il Thun nei quarti di un trofeo che ha perso per strada tutte le sue ‘big’

il-lugano-non-puo-deve-sognare-la-coppa

Il Lugano sogna e ne ha ben donde. La splendida serata di mercoledì che ha visto i bianconeri, trascinati dai quasi seimila sostenitori accorsi a Cornaredo – anche grazie alla bella iniziativa del club di offrire l’entrata gratuita –, superare 2-1 negli ottavi di finale di Coppa Svizzera nientemeno che lo Young Boys, ha confermato che sì, la squadra di Mattia Croci-Torti ha tutte le carte in regola per andare in fondo a una competizione posta anche dalla nuova dirigenza quale obiettivo stagionale. E ad alimentare i sogni dei ticinesi, il fatto che per il terzo anno consecutivo nei quarti che si disputeranno a febbraio e che vedranno Sabbatini e compagni sfidare in trasferta il Thun (seconda forza della Challenge League), saranno presenti solamente altre tre formazioni della massima serie: Losanna (che si recherà in casa della penultima di Challenge, l’Yverdon), Lucerna (impegnato a Bienne, Promotion League) e San Gallo (che pure sfiderà in trasferta una formazione della terza divisione, l’Etoile Carouge). Ovvero le formazioni che occupano gli ultimi tre posti in Super League, mentre le tre che stanno davanti a tutte, proprio negli ottavi ci hanno lasciato le penne, nell’ordine il Basilea (sconfitto dal Carouge), l’Yb e lo Zurigo (battuto ai rigori dall’Yverdon), a cui si aggiunge anche il Servette ko a Thun.

Una situazione questa che sorprende solo in parte, considerato come per le compagini che hanno il campionato quale obiettivo principale o addirittura disputano anche le competizioni europee, l’ex trofeo Sandoz spesso rappresenta più una distrazione o l’occasione per dare spazio alle seconde linee, che un reale obiettivo nel quale investire ulteriori energie.

A maggior ragione in stagioni come queste rese molto intense oltre che dai numerosi impegni con le nazionali, anche dalla pandemia, e in tal senso si spiegano in parte anche le illustri eliminazioni a livello internazionale (Bayern Monaco fuori dalla Coppa di Germania, Manchester City da quella della Lega inglese).

A confermarlo, anche le formazioni con cui le “big” rossocrociate sono scese in campo in questa tornata di partite, nella maggior parte dei casi decisamente rimaneggiate rispetto all’ultimo turno di campionato: i renani ad esempio rispetto al successo di domenica sul Lugano hanno cambiato ben otto effettivi su undici, tra cui il capocannoniere Cabral (poi inserito inutilmente a gara in corso); il Servette è sceso in campo a Thun con sette elementi che non erano titolari contro il Sion; lo Zurigo si è presentato a Yverdon confermando solo cinque giocatori; sei sono anche le modifiche all’undici titolare operate dallo Young Boys (rispetto al successo 3-2 sul Losanna) per la sfida con la squadra di Croci-Torti, che dal canto suo ha deciso (quanto per necessità, quanto per scelta è un altro discorso) di cambiare solo tre elementi rispetto a quelli mandati inizialmente in campo tre giorni prima al St. Jakob; qualche modifica in più (5 in totale) per il San Gallo che ha eliminato a fatica il Chiasso, mentre Fabio Celestini ha mandato in campo a Sciaffusa esattamente lo stesso Lucerna che domenica aveva sconfitto 2-0 la squadra di Zeidler. Statistica in controtendenza infine per il Losanna, vittorioso ad Aarau nonostante ben otto cambiamenti.

Fuori le quattro più titolate

Come dire che in Coppa è rimasto chi ci tiene per davvero, come d’altronde emerso anche sul terreno di Cornaredo, dove i padroni di casa hanno fatto la differenza soprattutto a livello di abnegazione, grinta e capacità (voglia) di soffrire. Il premio? La possibilità forse più grande che mai di conquistare un trofeo reso ancora più appetibile per chi è rimasto in corsa da un’altra statistica, che si somma a quella relativa all’assenza delle attuali tre migliori compagini del campionato: per la prima volta dall’edizione 2004-2005, nei quarti non sarà presente nessuno tra Grasshopper (19), Basilea e Sion (13 entrambe), ovvero i club che hanno messo più volte le mani sul trofeo e che se lo sono spartito tra loro in sedici delle ultime venti edizioni. Fuori anche lo Zurigo (10 successi), la formazione meglio piazzata nella speciale classifica è il Losanna, quinto con nove trionfi.

Il Lugano dal canto suo è fermo a quota tre vittorie finali dal 1993, anno in cui sconfisse all’ultimo atto 4-1 il Grasshopper (gol di Andrioli, Fornera e doppietta di Subiat) dopo aver eliminato proprio negli ottavi lo Young Boys. Cinque invece le finali perse, l’ultima nel 2016 al Letzigrund, dove la squadra allora diretta da Zdenek Zeman si era inchinata 1-0 ai padroni di casa sbagliando anche un rigore (sullo 0-0) con Mattia Bottani e vedendo il tentativo di rimonta infrangersi sul palo colpito da Donis. Quella è rimasta anche l’ultima occasione in cui la società bianconera ha superato lo scoglio dei quarti di finale, raggiunti quattro volte in sette edizioni dal ritorno in Super League nel 2015. Per centrare la seconda semifinale da 21 anni (nel 2000 la corsa dei sottocenerini era stata fermata al penultimo atto dal Losanna) a questa parte, i ragazzi di Croci-Torti dovranno superare quel Thun che nella stagione 2018/19 li aveva eliminati proprio ai quarti imponendosi 3-2 sul sintetico della Stockhorn Arena (prima di venir fermato solo in finale dal Basilea) ma nel frattempo retrocesso nella lega cadetta.

Avversario e terreno insidiosi, sì, ma non certo insormontabili per un Lugano che arrivato a questo punto, e in considerazione oltretutto dei rinforzi attesi dal mercato di gennaio, ha non più il diritto, bensì il dovere di crederci.

Leggi anche:

Croci-Torti: ‘Emozioni fortissime e un po’ di commozione’

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
33 min
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
1 ora
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
2 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
2 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
3 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
4 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
6 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
Qatar 2022
6 ore
Il Costarica batte il Giappone e riapre il gruppo E
I nipponici, che all’esordio avevano superato la Germania, vengono beffati a 10’ dal termine (1-0) dal solo tiro subito
BASKET
6 ore
Lugano a valanga per la quarta vittoria
I Tigers mettono sotto lo Swiss Central e in campo si rivede, seppure in modo parziale, anche Ross
Hockey
21 ore
Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions
I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
© Regiopress, All rights reserved