laRegione
10.11.21 - 11:59
Aggiornamento: 15:28

Facebook, stop ad annunci mirati su salute, politica e religione

Il social ha annunciato che non utilizzerà più dati su stato di salute, credo religioso o politico e orientamento sessuale per indirizzare le pubblicità

Ats, a cura de laRegione
facebook-stop-ad-annunci-mirati-su-salute-politica-e-religione
Keystone

Gli utenti di Facebook e Instagram non potranno più essere bersagliati da annunci basati sul loro interesse per alcuni argomenti sensibili, come l’orientamento sessuale e l’affiliazione politica. Questo è un cambiamento importante.

“Vogliamo rispondere meglio alle aspettative mutevoli della gente su come gli inserzionisti dovrebbero lavorare”, ha detto martedì Graham Mudd, il vicepresidente della pubblicità per il gruppo con sede in California.

Ex Facebook ma recentemente rinominata Meta, la società madre della famiglia di applicazioni sociali sta attraversando una grande crisi reputazionale legata alle rivelazioni di un whistleblower, che la accusa di mettere i suoi profitti prima dei suoi utenti.

L’azienda ha avuto un fatturato di 84 miliardi di dollari nel 2020, principalmente dalle entrate pubblicitarie.

Migliaia di categorie eliminate

I pubblicitari amano la capacità di indirizzare i consumatori in modo molto fine e su larga scala. Possono scegliere tra migliaia di categorie d’interesse, in cui gli utenti sono collocati in base alle pagine che hanno visitato o agli annunci che hanno cliccato.

Dal 19 gennaio, migliaia di categorie saranno rimosse, comprese quelle relative all’orientamento sessuale (“matrimonio gay”, “cultura LGBT”), questioni di salute (“chemioterapia”, “giornata mondiale del diabete”), pratiche religiose (“chiesa cattolica”, “feste ebraiche”), affiliazioni politiche, etnia ecc.

L’idea è di impedire alle organizzazioni di abusare di queste categorie, come incoraggiare le persone a fare cose cattive o pericolose perché sono gay, musulmane o hanno il cancro, per esempio.

A gennaio, il Tech Transparency Project ha riferito di annunci per fondine di armi e giubbotti antiproiettile rivolti a membri di gruppi di estrema destra su Facebook prima delle rivolte di Washington.

Altri strumenti

Le autorità statunitensi per gli alloggi hanno anche intentato una causa nel 2019 contro Facebook, accusato di permettere annunci immobiliari che “escludono le persone di colore, le famiglie con bambini, le donne e le persone con disabilità”.

Nella dichiarazione, Graham Mudd ha detto che la decisione, “difficile da prendere", era basata sul feedback di esperti di diritti civili e legislatori. "Sappiamo che questo può colpire alcune aziende e organizzazioni”, ha riconosciuto il vicepresidente.

Saranno in grado di utilizzare altri strumenti, come il targeting delle persone che hanno interagito direttamente con il loro marchio o la geolocalizzazione, per esempio.

La piattaforma ha già preso provvedimenti per dare agli utenti più controllo sul tipo di annunci che vogliono vedere, o vedere meno, e prevede di aggiungere categorie all’inizio del prossimo anno, come il gioco d’azzardo o le diete.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Tecnologia
TECNOLOGIA
1 sett
L’essere umano sempre al centro
L’intelligenza artificiale a 25 anni dalla prima sfida vinta da un computer contro un campione del mondo di scacchi
Tecnologia
2 sett
Facebook, via dai profili preferenze religiose e politiche
Dal primo dicembre il social cambia in favore della privacy
Tecnologia
2 sett
Musk riammette Trump su Twitter, ma lui resta su Truth
Il nuovo patron del social network ha riattivato l’account dell’ex presidente Usa dopo un sondaggio fra gli utenti
Tecnologia
2 sett
Mentre Twitter e Meta licenziano, TikTok continua ad assumere
La piattaforma cinese è impegnata in un piano triennale di reclutamento di circa 3’000 ingegneri nelle sue sedi in tutto il mondo
Tecnologia
1 mese
Google parlerà tutte le lingue, pure quelle delle... catastrofi
Sono i tre passi avanti del motore di ricerca fra i più utilizzati al mondo: dall’inclusione alle allerte a una maggiore risoluzione dei video
Social
1 mese
Instagram nel caos, profili sospesi e followers spariti
Diversi utenti hanno segnalato la sospensione dei propri account e la perdita dei followers
TECNOLOGIA
1 mese
L’informatica per il benessere
I sistemi informatici possono migliorare non solo la produttività, ma anche il benessere delle persone
Tecnologia
1 mese
Dopo il down mondiale, WhatsApp torna a funzionare
I messaggi stanno ripartendo dopo l’interruzione di un paio d’ore di questa mattina
Tecnologia
1 mese
Whatsapp non funziona: impossibile inviare e ricevere messaggi
La popolare app di chat è in down dalle 8.45 circa. Ignote le cause e la durata del disservizio
Tecnologia
1 mese
Con il 2024 stesso caricabatterie per tutti i telefonini
Dalla primavera 2026, l’obbligo fra gli Stati membri dell’Unione europea si estenderà ai computer portatili
© Regiopress, All rights reserved